App e microfono: una soluzione vincente. Il nuovo karaoke

7 milioni di testi, $8.1 milioni totali e 20 milioni di download. MusiXmatch, startup italiana, aggiunge l’hardware alla sua app per gli amanti del karaoke

MusixMatch

“Give the words to your voice”. Dai parole alla tua voce, per tradurla in modo maccheronico. Ci pensa MusiXmatch a suggerirtele.

Hai presente quel momento in cui stai ascoltando quella bella canzone in inglese, ma le uniche parole che riesci a carpire del testo sono You, Love e lalalala? Ecco. Questa app vuole evitare il classico binomio Kiwi Melon che sempre accompagna l’incomprensione del testo in lingua straniera. Fondata nel 2010 da Massimo Ciociola, CEO, Jonny Delli Carri, COO, e Giuseppe Costantino, API & Front end, un team di 20 persone a Bologna, adesso esplora il mondo hardware. Così magari oltre ad evitare il tanto inflazionato kiwiMelon, evitiamo anche di utilizzare la bottiglietta d’acqua per cantare il nostro assolo preferito, ma possiamo usare il microfono acquistabile nel loro store.

Il microfono nasce da una partnership tra la startup e IK Multimedia e costa $79.95. Si può collegare direttamente allo smartphone o al tablet.

E poi? E poi si può scegliere tra 7 milioni di testi da intonare. Ma non è finita. Insieme al microfono, si ha l’accesso gratuito anche all’applicazione “Live Pass” che monitora la tua voce in tempo reale e permette di migliorare le proprie doti canore. Così si sa con un po’ di anticipo se a breve si spaccheranno le finestre o riceveremo un applauso.

«La combinazione dell’app più il microfono è vincente!» dice Massimo Ciociola, il CEO.

E in effetti lo è. Gli amanti del karaoke, e in particola di MusiXmatch, sono molti. Con 20 milioni di download, 4 milioni di utenti attivi l’app è un vero successo. A gennaio, inoltre, il team di MusiXmatch aveva annunciato di aver ottenuto un finanziamento da $3.7 milioni, portando il totale a $8.1 milioni a soli tre anni dalla sua nascita.

Per più informazioni leggi qui: http://techcrunch.com/2013/11/28/pass-the-mic/

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.