360by360 Competition premia l’etica di CharityStars

Etica, esperienza e competenze: gli elementi che hanno permesso la vittoria di CharityStars, startup di Francesco Nazari Fusetti per un nuovo modo di fare beneficenza

CharityStars

Stavolta la star è stata lui. Francesco Nazari Fusetti, di soli 26 anni, incassa il premio di 360 mila dollari messi in palio dalla nostra 360by360 Competition. Nonostante la giovane età, CharityStars è per Francesco la seconda esperienza imprenditoriale. La sua prima startup è la famosa ScuolaZoo. E con CharityStars ora lui vuole raggiungerle tutte, le stars del mondo del calcio, dello spettacolo e dell’imprenditoria. E vuole anche creare un nuovo modo di fare beneficenza.

Premiata insieme a lui di fatto anche l’etica che porta avanti. CharityStars è una piattaforma che aiuta le onlus a reperire fondi. Come? Attraverso un sistema di aste online che coinvolge personaggi famosi. Ad esempio, gli utenti possono scegliere di partecipare all’asta per aggiudicarsi una cena con un imprenditore di successo o una star del cinema. E la cifra in palio finanzia una non profit, alla quale verrà devoluta la cifra raccolta. Ad esempio potrebbe essere una buona idea anche per gli startupper assicurarsi una cena per fare un bel pitch a qualcuno dei nostri imprenditori!

Ma non è solo l’etica e la bontà dell’idea di business che hanno influenzato la giuria nella scelta del vincitore. E’ stato anche il modo di Francesco di presentarsi sul palco, la grinta e la capacità con cui l’ha fatto, la competenza di attirare l’attenzione del pubblico e di rispondere alle domande dei giudici in modo esaustivo. Capacità che sembrano andare ben oltre la sua età anagrafica.

E con il finanziamento ottenuto ne farà parecchia di strada. Il segreto sta nella viralità della presenza sul web di CharityStars: con pochi soldi andrà avanti parecchio, con l’aiuto delle stars che gli daranno visibilità. Non male per un giovane imprenditore italiano…

UXGO: la startup che crea un sito web a partire da un mazzo di carte

UXGO è un’azienda che spinge sull’innovazione in un settore considerato tutto sommato senza idee particolari, rivoluzionando il workflow del web designer e del front-end developer e favorendo un dialogo con il cliente per la costruzione di un sito con meno dispendio di tempo e denaro. 

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.