Quando guadagna Uber? Il doppio del totale stimato

La famosa startup di mobilità con sede a San Francisco e presente in Italia a Roma e Milano guadagna 210 milioni di dollari. Quasi il doppio della stima di AllThingsD

Quanto guadagna Uber? La domanda, come per ogni società non quotata in borsa, rimane senza risposta. Senza risposta ufficiale. Nelle ultime ore il blog Valleymag ha pubblicato uno screenshot che dà informazioni sulla mole di lavoro gestita dalla startup di San Francisco, presente in Italia a Milano e Roma, e TechCrunch ha verificato la veridicità del documento e ha ottenuto una non smentita, che equivale a un assenso, da Uber.

L’immagine fornisce uno spaccato del periodo compreso fra metà ottobre e metà novembre 2013: un lasso di tempo abbastanza limitato, quindi, che dà per un’idea chiara del giro d’affari generato dal servizio di prenotazione via smartphone di auto scure con autista. Si tratta, innanzitutto, di una situazione sana: le entrate sono cresciute nel periodo in esame del 11% con una media di poco meno di 80mila nuove sottoscrizioni a settimana. La chiamate settimanali vanno oltre il milione e i clienti attivi superano i 400mila.

Secondo i calcoli di Valleymag, effettuati senza prendere in considerazione le due colonne che facevano riferimento a un periodo ancora da concludersi e riducendo del 20% il lordo, Uber dovrebbe chiudere il 2013 con ricavi pari a 210 milioni di dollari. Il dato sarebbe sensibilmente superiore alle stime fatte da AllThingsD in occasione dell’investimento di Google nella società, risalente allo scorso agosto. Secondo il blog del Wall Street Journal, la società fondata da Travis Kalanick avrebbe chiuso l’anno in corso a 125 milioni.

Bitcoin, Ethereum e IOTA: c’è un corso sulle criptomonete alla London School of Economics

60 ore di lezioni via web al costo di 1800 euro: l’ultimo corso della Lse insegnerà agli studenti come destreggiarsi tra blockchain e criptoasset. Corsi di studio simili esistono anche a Malta e Melbourne

Open Innovation Club, startup e big company scrivono insieme il futuro

Ospite di Enel, prende il via il programma d’incontri rivolti a imprese e PA per confrontarsi sulle best practices innovative da applicare. Tra i soci grandi realtà come TIM, Cisco, Ferrovie dello Stato e Google