Video online: uno dei settori più ricchi del mondo

L’80% della popolazione si connette ad internet e scarica video. E’ la nuova frontiera della televisione, quest’anno 164 milioni di dollari di investimento

Maria Elena Viggiano

Un settore da tenere d’occhio è il mercato dei video online. Come sempre, per una semplice questione di numeri, la Cina risulta il Paese con il maggior numero di utenti. Circa l’80% della popolazione che si connette ad internet, guarda e scarica video. Ormai le persone, soprattutto appartenenti alla fascia di età tra i 15 e i 40 anni, preferiscono vedere programmi tramite il mobile, al punto che gli ascolti televisivi hanno subito un calo.

Un cambio di tendenza che in Cina è stato molto veloce, per esempio rispetto agli Stati Uniti e all’Europa, dove la Televisione ha ancora un ruolo significativo. Per questo motivo, le aziende cinesi di questo settore sono già in diretta concorrenza con la televisione e hanno iniziato a produrre programmi – talk show, film, news – in modo da attrarre e fidelizzare nuovi utenti. Per il 2013, si parla di 164 milioni di dollari di investimenti ma il mercato è in costante crescita.

Non sorprende quindi che i giganti dell’hi-tech cinesi vogliano trovare nuove possibilità di sviluppo e affermare la loro presenza in questo settore. Il principale motore di ricerca cinese Baidu ha annunciato l’acquisto di PPS Video, un network di video in streaming, per 370 milioni di dollari. iQiyi, piattaforma di video online, ha deciso invece di lanciare un social network per chi vuole chattare su specifici argomenti relativi ai programmi televisivi. Così come le app, legate alla visualizzazione di filmati, sono quelle che registrano il maggior numero di downloads.

Il fermento è motivato anche dall’incremento della pubblicità che nel 2013 in Cina ha raggiunto 530 milioni di dollari. Secondo le previsioni, il settore dei video online sarà uno dei più remunerativi nel mondo, grazie agli introiti pubblicitari. Una ricerca di eMarketer prevede che negli Stati Uniti si passerà dagli attuali 4 miliardi di spesa in online advertising a 8 miliardi nel 2016 e 9 miliardi nel 2017. In Europa, in controtendenza con altre realtà, l’adverstising online ha registrato una crescita dell’11,5%, per un valore di 24,3 miliardi di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dai banchi di scuola al pitch. I finalisti del progetto “A Scuola di Startup” a DigithON 2017

Il progetto realizzato da AuLab ha coinvolto per il terzo anno consecutivo studenti delle scuole secondarie superiori. Il team vincitore sarà premiato dal Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Bari e Bat. Abbiamo intervistato Davide Neve, CEO di AuLab

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.