Le 3 idee per il nostro Paese volano negli Stati Uniti

Athonet, Exim e ClouDesire, le tre idee selezionate per partecipare a ItaliaCamp dal 25 febbraio al 4 marzo 2014

Pitcheranno a Wall Street, davanti a investitori, venture capitalist, business angels americani. Sono rappresentative dei principali settori di investimento mondiale in telecomunicazioni, healthcare e saas (Software as a Service). Italia Camp ha scelto le startup italiane che hanno vinto “La tua idea per il Paese” e che saranno progoniste alla Borsa. Il barcamp a Wall Street si svolgerà durante UsaCamp, missione internazionale targata ItaliaCamp e prevista dal 25 febbraio al 4 marzo 2014 tra New York e Washington.

ATHONET Per le telecomunicazioni è stata scelta Athonet, startup che sviluppa reti mobili da utilizzare in contesti critici. Costituita nel 2004 da un team di ingegneri, la startup è nota per l’esperienza maturata in Emilia Romagna, nei territori colpiti dal terremoto a maggio 2012, dove ha garantito le comunicazioni per i soccorsi in sostituzione delle normali reti telefoniche e a seguito della quale ha ricevuto una medaglia dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

EXIM Per l’healthcare c’è Exim (Exoscheleton in Motion), startup che nasce da un team di ingegneri e ricercatori dell’Università di Padova e che propone un esoscheletro biomedicale flessibile rivolto a chi ha lesioni spinali o deficit neuromuscolari. L’apparato, il cui prototipo è già protetto da brevetto in Italia e negli Usa, consente a chi lo indossa di essere supportato durante un’azione motoria o di sostituirsi all’azione muscolare.

CLOUDESIRE Legata invece al business del SaaS (Software as a Service) ClouDesire. Promossa da un team di progetto proveniente dal Politecnico di Milano e dalla Scuola Normale di Pisa, il progetto permette alle software house di vendere e distribuire le proprie applicazioni su cloud in pochi minuti e di gestire facilmente tutte le attività commerciali e di marketing, evitando investimenti onerosi in infrastrutture hardware o in formazione.

Le startup che ItaliaCamp ha premiato con la partecipazione ad Usa Camp, saranno affiancate da altre best practice individuate dall’Associazione ItaliaCamp e dai principali Venture Capital italiani nell’ambito dei migliori centri di ricerca, incubatori e Università italiane.

L’appuntamento accreditato presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Ministero degli Affari Esteri, l’Ambasciata d’Italia in America e l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America in Italia e supportata dai partner della Fondazione ItaliaCamp: Cnr, Enel Green Power, Ferrovie dello Stato, Gruppo Unipol, Invitalia, Inps, Padiglione Italia di Expo 2015, Poste Italiane, Rcs MediaGroup, Sisal, Terna e Wind Telecomunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale