Dalla Nokia ad una startup. La storia di SpidWit

Dino De Luca e Antonio Parlato ci raccontano la nascita della loro startup. Ex dipendenti Nokia, si sono rimessi in gioco, e in questi mesi lanceranno la versione definitiva della loro web app

Spidwit

“Nothing is a mistake. There’s no win and no fail, there’s only make”. La sesta regola del decalogo di John Cage è forse la più conosciuta. Ma probabilmente Dino De Luca e Antonio Parlato le hanno interiorizzate tutte per creare SpidWit, un nuovo sistema per mettere “in ordine”, in maniera totalmente personalizzata e facilmente fruibile, l’immensa mole di informazioni che ci interessa e che giornalmente gira in Rete.

I due ideatori della piattaforma, infatti, fino all’anno scorso erano dipendenti di Nokia nella sede di Catania. Poi la crisi: il colosso finlandese ha deciso di chiudere nel territorio etneo e i due catanesi si sono ritrovati senza lavoro. Una tragedia? Non per loro che hanno invece visto un’opportunità.

Così Dino De Luca, 40 anni (o, come gli piace definirsi, “venticinquenne con 15 anni di esperienza”), con un passato da Head of Sales e una tesi di laurea su Information Retrieval realizzata alla Cornell University di New York (con tutor quell’Amit Singhal oggi senior vice president di Google), e il 36enne Solution Architect Antonio Parlato hanno deciso di reinventarsi immediatamente.

dino e antonio

Gli ingredienti giusti c’erano tutti: le idee, fino a quel momento tenute nel cassetto, il talento e qualche soldo, proveniente dalla buonuscita di Nokia.

In poco tempo Dino e Antonio, da CEO e CTO, si sono focalizzati sul progetto giusto e una volta completato il team con Paola Mirone, esperta in comunicazione e social media entrata con il ruolo di CMO, a fine 2012 è iniziato lo sviluppo di SpidWit.

Il problema da risolvere non era banale. In Rete c’è una miriade di informazioni che viaggiano a una velocità impressionante. Come riuscire a organizzare quelle che ci interessano in maniera facilmente fruibile? SpidWit risponde a questa domanda. «Abbiamo realizzato una web application – spiega Dino De Luca – che grazie a un algoritmo simile a quello utilizzato da Google riesce ad analizzare tutte le informazioni che vengono trasmesse dai nostri contatti in social network come Twitter e Facebook. Da questa analisi si evincono i nostri interessi principali e tutte le news o gli aggiornamenti che corrispondono a questi criteri vengono raccolti e organizzati attraverso un’interfaccia semplice e intuitiva, come fosse un magazine online, senza il rischio di perderle nel flusso».

Così, se siamo appassionati di sport e, non a caso, tra i nostri contatti social ci sono altri appassionati o profili di sportivi o di testate sportive, SpidWit ci consegna, automaticamente, un innovativo “magazine” digitale che raccoglie tutte le informazioni (con relativi link alle fonti) trasmesse sul tema.

Il progetto, in pochi mesi, è stato perfezionato e ha ricevuto i primi riconoscimenti. A maggio 2013 è stata una delle 12 idee selezionate per il programma di mentorship di Wind Business Factor e a settembre è rientrata nelle 8 startup scelte da itCup per l’investors day al Pisa Internet Festival.

Confronti che sono anche serviti per ampliare gli orizzonti.

Oltre alla versione gratuita per privati, i founder di SpidWit hanno deciso di testarne anche una corporate, dedicata alle aziende che hanno interesse a esaminare e collezionare le news per la realizzazione di  rassegne web o di web content, con un database di riferimenti fornito da SpidWit – testate online, blog o social network – ai quali ogni cliente può aggiungerne autonomamente di nuovi in base alle proprie esigenze. Un’applicazione, quest’ultima, che sta avendo riscontri molto incoraggianti visto l’interesse e l’apprezzamento suscitati nelle aziende che ne stanno usufruendo per un periodo di prova-test gratuita.

In questi primi mesi del 2014 SpidWit sarà rilasciato in versione definitiva.

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.