StartUp Initiative pensa in grande e punta a Berkeley

Il 27 febbraio verrà presentata a Milano l’iniziativa di Intesa San Paolo per le startup. La migliore potrà partecipare alla Global Social Venture Competition

Think big. Start small. Scale fastè lo slogan lanciato da Intesa Sanpaolo per questa edizione di “Start-Up Initiative”, la piattaforma internazionale di accelerazione che mira alla selezione di promettenti startup tecnologiche per poterle sostenere con programmi di coaching specifici e proporle a investitori sulla scena internazionale.

I settori di riferimento per i progetti candidabili devono essere:

a) tecnologie e imprese sociali con un impatto rilevante sulla società;

b) biotecnologie e apparecchiature mediche;

c) ICT per media digitali, servizi on-line e automazioni;

d) cleantech e fonti rinnovabili;

e) nanotecnologie e materiali ad alte prestazioni;

f) mobilità.

L’iniziativa prevede un programma ben strutturato al quale possono partecipare, gratuitamente, i progetti che passeranno la selezione.

Per questi, non sono previste solo le semplici attività di tutoring, mentoring e business coaching, (attività peraltro svolte in collaborazione con il network dei business angels della Silicon Valley, Maverick Angels), bensì vengono calendarizzati anche meeting a livello internazionale (Londra, Francoforte, Parigi, San Francisco, New York) per permettere agli aspiranti imprenditori di massimizzare le loro opportunità di business.

Una bella sfida da cogliere per tutte quelle startup in cerca di investitori e visibilità.

Inoltre, dopo il training, verrà selezionata, da esperti e angel investors, la startup migliore che potrà avere accesso al round finale della Global Social Venture Competition presso l’Università di Berkeley in California.

Se vuoi partecipare, avrà luogo giovedì 27 febbraio 2014 alle ore 9, presso Palazzo Besana a Milano, la presentazione dell’iniziativa. Evento che sarà focalizzato sulle tecnologie innovative e i progetti ad alto impatto sociale.

Potete segnalare la vostra idea compilando la domanda presente sul sito (www.startupinitiative.com) allegando tutta la documentazione utile a presentare il vostro progetto (es. business plan, descrizione sintetica…). Fate attenzione a non segnalare elementi distintivi del vostro progetto se non avete ancora ottenuto un brevetto che li tuteli perché gli organizzatori non sono autorizzati a sottoscrivere un accordo di riservatezza.

Marco De Paolis – Federica Taddei – TeamPro Business

[email protected]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi compra l’usato guadagna 900 euro all’anno. Intervista alla CEO di Subito.it

Secondo l’Osservatorio 2016 Second Hand Economy condotto da DOXA, la compravendita dell’usato cresce di €1 miliardo nel 2016 e ora vale l’1,1% del PIL. Abbiamo sentito Melany Libraro per capire come cambiano le abitudini degli italiani

Lyrebird, la tecnologia che permette di copiare la voce di chiunque

Parlare con Donald Trump o fargli pronunciare praticamente qualsiasi cosa potrebbe non essere più un problema. Una startup canadese ha trovato il modo di riprodurre le caratteristiche vocali di qualsiasi persona con l’analisi di un solo minuto di parlato