Best Practices per l’Innovazione a Salerno

Tempo fino al 15 aprile per presentare domanda per il premio Best Practices per l’Innovazione promosso da Confindustria Salerno. All’interno del bando anche un secondo premio per aspiranti imprenditori

È stato pubblicato il regolamento dell’ottava edizione del premio “Best Practices per l’Innovazione” promosso da Confindustria Salerno.

Possono partecipare imprese manifatturiere, di servizi, associazioni/fondazioni di interesse socio-economico e ordini professionali, versando una quota di 250 euro, entro il 15 aprile, e consegnando il loro progetto innovativo, redatto secondo le linee guida presenti sul sito www.premiobestpractices.it.

Ricordiamo brevemente alcuni degli indicatori che saranno presi in considerazione, da parte del Comitato Tecnico Scientifico, per le valutazioni di merito:

1) innovatività delle soluzioni organizzative, di processo e tecnologiche introdotte dal progetto rispetto allo stato dell’arte nazionale ed internazionale e rispetto allo stato della pratica nel settore produttivo di riferimento;

2) qualità del piano economico e dei vantaggi, derivanti dal progetto;

3) industrializzazione dei risultati del progetto e trasferibilità degli stessi in contesti differenti;

4) contributo fornito dal progetto alla crescita di competenze ed alla formazione di risorse specializzate.

I progetti selezionati potranno partecipare all’evento del 12 e 13 giugno 2014 e all’intervista in live streaming. Verrà, inoltre, distribuito materiale promozionale di ciascun progetto alle imprese del settore in cui lo stesso si colloca e i candidati potranno accedere al database di tali aziende. Anche i progetti non ammessi saranno comunque divulgati tramite la pubblicazione della relativa sintesi nel catalogo del Premio.

Sempre nell’ambito del concorso c’è un secondo premio denominato “UPSTART – Paolo Traci”. Per questo contest non è necessario il pagamento di alcuna fee e sono ammessi solo aspiranti imprenditori o coloro che, ad impresa costituita, non abbiano ancora intrapreso un’attività economica da cui siano stati generati ricavi.

Non sono esclusi dalla partecipazione anche docenti universitari (per la valorizzazione di progetti di ricerca o di spin off), studenti universitari o allievi di attività post laurea. È sufficiente che l’iniziativa sia ancora allo stadio di idea, ma è necessario dimostrare di averla studiata nei dettagli. Vanno messe in evidenza le caratteristiche innovative, non solo quelle tecnologiche dei progetti, dimostrando, quindi, i cambiamenti significativi in termini di prodotto, processo, organizzazione, approccio sociale che possono determinare.

Le candidature vanno inviate a [email protected] e quelle particolarmente interessanti saranno protagoniste del contest “UPSTART” il 6 e 7 giugno 2014, nel quale verrà premiata la migliore idea in assoluto e segnalate le altre che eccellono per risvolti ambientali e/o sociali, maggior potenziale di mercato, quelle meglio descritte e più creative.

Saranno assegnati, inoltre, un premio del pubblico web e uno della platea alla migliore presentazione ed uno degli imprenditori per l’immediata fattibilità.

I progetti, in questo caso, vanno segnalati entro il 19 aprile 2014 e per ulteriori informazioni si fa riferimento sempre al sito del Premio Best Practices (www.premiobestpractices.it).

Marco De Paolis – Federica Taddei

TeamPro Business

[email protected]

Ti potrebbero interessare anche i deal di StartupItalia!

UXGO: la startup che crea un sito web a partire da un mazzo di carte

UXGO è un’azienda che spinge sull’innovazione in un settore considerato tutto sommato senza idee particolari, rivoluzionando il workflow del web designer e del front-end developer e favorendo un dialogo con il cliente per la costruzione di un sito con meno dispendio di tempo e denaro. 

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.