Hyperfair ottiene 1.2 milioni di dollari

La startup italo-americana, Hyperfair, ha ricevuto un seed funding di 1.2 milioni di dollari. Il finanziamento permetterà di migliorare la user experience

1.2 milioni di dollari, l’ammontare ricevuto da Hyperfair in seed funding da parte di un grande gruppo di investitori, sia americani che europei. A capo del round, New Enterprise Associates (NEA), in partecipazione con Atlante Ventures, il fondo di Venture Capital di Intesa San Paolo, e Como Ventures.

Fondata nel 2010, Hyperfair, startup basata a San Francisco, sta reinventando il modo di vedere gli eventi online. Viene offerta ad esempio la funzione che permette di vedere un ambiente 3D, in cui espositori e partecipanti possono incontrarsi e fare affare attraverso i propri avatar, come se fossero fisicamente sul luogo.

“Grazie a questo finanziamento, potremo finalmente migliorare Hyperfaire e fornire ai nostri utenti una grande esperienza di social business” ha dichiarato Marco Campanari, il CEO della startup.

Per maggiori informazioni leggi qui: http://hyperfair.wordpress.com/2014/02/13/hyperfair-raises-1-2m-from-nea-atlante-and-como-to-revolutionize-virtual-interactions/

Qui l’intervista a Marco Campanari al lancio della startup

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.