Da Benevento a Barcellona, PartyParty conquista Samsung

100 mila dollari di premio ricevuti per il secondo posto, 4 riconoscimenti ottenuti per quasi mezzo milione di dollari. La storia di SpinVector raccontata da Giovanni Caturano

SamsungApp

100 mila dollari. L’ammontare del premio ricevuto da Giovanni Caturano, 42 anni,  e Carmine Della Sala, 40 anni, per la creazione di PartyParty, un gioco disponibile sul Samsung App Store in tutto il mondo.  Ed è proprio la Samsung che li ha premiati a Barcellona con il secondo posto della Samsung Smart App Challenge 2013 – sezione Galaxy S4 all’interno della manifestazione Mobile World Congress. «Non è la prima volta che ci premiano. La volta precedente abbiamo vinto 200 mila dollari e ci siamo aggiudicati  in tutto 4 premi, per un totale di quasi mezzo milione di dollari». Racconta telefonicamente Giovanni. Primo posto per Dots Out, famoso nelle zone russe.

PartyParty ha conquistato i giudici per la sua tecnologia di rete, tema del concorso. Infatti si tratta di un gioco che unisce e fa divertire persone che si trovano a breve distanza. «Vogliamo fare in modo che i gruppi di ragazzi che si incontrano non si isolino con il proprio cellulare, ma che giochino tra di loro. Con PartyParty puoi creare un personaggio e sfidare gli amici che si trovano lì con te».

Giovanni e Carmine non hanno creato solo questo gioco, insieme ad altre 15 persone portano avanti una startup, SpinVector, con sede a Benevento in Campania. «Fare startup a Benevento è una bella sfida. Ci sono i vantaggi della piccola città, si può tornare a casa a pranzo, non ci sono problemi di trasporto e lunghe distanze, però è difficile. L’ecosistema non è dei più favorevoli, non si è ancora preparati a questo. Devo dire, però, che la location non è più così importante».

SpinVector è un’impresa che crea tecnologia e metodi di intrattenimento innovativi al confine tra materiale e virtuale. «Abbiamo collaborato anche con Ercolano e siamo stati premiati per l’installazione  inserita all’interno del Museo Archeologico Virtuale». Si tratta di una proiezione 3D dell’eruzione del Vesuvio.

Come utilizzeranno il premio ricevuto? «Vogliamo crescere, miglioreremo il prodotto». I 100 mila dollari ricevuti si vanno ad aggiungere agli altri premi ricevuti e ai 2 milioni di finanziamento ricevuto dal fondo AVM.

La startup meridionale si è fatta notare, e ne sentiremo ancora molto parlare.

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.