Lo Smart Working, un vero regalo per la festa della donna

Solo il 46,5% delle donne italiane lavora, peggio di noi solo Malta. Lavoro flessibile e da remoto potrebbe essere una soluzione: se n’è parlato oggi a Milano

DonneRise

Meno della metà delle donne italiane ha un’occupazione, contro una media europea che sfiora il 60%. I dati sul lavoro femminile sono chiari: in Europa l’Italia è fanalino di coda, peggio di noi c’è solo Malta. E le donne che lavorano vedono ancora lontano il traguardo della parità. Come emerge da un’indagine a cura di Microsoft Italia e Valore D, condotta su un campione di un migliaio di uomini e donne, ben l’83% ritiene che sia necessario sacrificare la propria vita personale per raggiungere importanti risultati professionali e il 56% ritiene che una per una donna, a parità di competenze e capacità, sia più difficile fare carriera.

Ma quali risposte dare a questi problemi? Una soluzione efficace potrebbe essere lo smart working, che grazie alla possibilità di lavorare da remoto e di avere orari flessibili permette di conciliare lavoro e vita privata.

Di questo e degli altri vantaggi delle aziende con un buon equilibrio di genere si è discusso durante l’appuntamento Donne on the rise, promosso da Microsoft Italia e Valore D, a cui hanno partecipato Jean-Philippe Courtois, Presidente di Microsoft International, il deputato Alessia Mosca, Claudia Parzani, Presidente di ValoreD e Partner di Linklaters, Paola Cavallero, CEO di Nokia Italia, Gianmario Tondato Da Ruos, CEO di Autogrill e Silvia Candiani, Marketing and Operations Director di Microsoft Italia. La tavola rotonda è stata moderata dalla giornalista Maria Latella.

Alla vigilia della giornata internazionale della donna sono state messe in luce da una parte le proposte a livello istituzionale, con la testimonianza del deputato Alessia Mosca, tra i firmatari della nuova legge dedicata allo Smart Working, e dall’altra l’esistenza di realtà, come Microsoft Italia, Nokia e Autogrill, dove le donne riescono ad eccellere senza rinunciare alla propria vita privata. In Microsoft Italia, infatti, oltre il 40% del team a diretto riporto dell’Amministratore Delegato è donna, il migliore risultato di tutti i Paesi EMEA in cui Microsoft è presente, e proprio in Microsoft Italia da oltre 5 anni viene portato avanti un modello di lavoro agile, apprezzato dal 94% degli uomini e delle donne che compongono l’organizzazione di Microsoft Italia.

«Ho osservato negli anni come in tutti i mercati in cui siamo presenti, lo Smart Working abbia portato risultati eccellenti in termini di maggiore soddisfazione e coinvolgimento delle persone, che si traducono a loro volta in maggiore produttività» – ha commentato Monica Rancati, direttore risorse umane per l’area Western Europe di Microsoft.

«Il nostro Paese, le nostre aziende, le famiglie italiane non possono permettersi di non valorizzare tutti i migliori talenti e non stiamo parlando di un tema di genere, ma di business, di profitto, di risultati, del bisogno di nuove idee»  ha concluso Claudia Parzani, Presidente di Valore D e Partner di Linklaters.

Xnet, un finanziamento da 3,3 milioni dall’Europa per i controlli industriali a raggi X

La pmi milanese supportata da Endeavor Italia ottiene un “grant” di Horizon 2020 grazie alla tecnologia XSpectra, che effettua un’analisi del prodotto mentre scorre sulla linea di produzione

Da Enea un giardiniere virtuale per coltivare piante low cost

Il progetto si chiama Anthosart Green Tool e punta a ridurre i costi di gestione e il consumo d’acqua, ma anche a scoprire eventuali utilizzi alternativi delle piante.

Uber Eats, ora puoi pagare anche con Apple Pay

La piattaforma di food delivery consentirà in venti mercati, fra cui l’Italia, di saldare la consegna direttamente col sistema della Mela. E fra le proposte arriva anche mercato Testaccio