Come fare un’app virale: lo insegna il MAAC. In arrivo a Roma

Oltre mezzo milione di finanziamenti ottenuti per i 15 team partecipanti alle scorse edizioni. Il Moblie App Acceleration Camp fa spiccare il volo alle startup mobile

roma-febbraio2014  Il 15 e il 16 Aprile si terrà a Roma la quarta edizione di MAAC, il Mobile App Acceleration Camp, un programma che grazie a coach indipendenti ed esperti Microsoft, Nokia e AppCampus, è riuscito in pochissimo tempo a finanziare già tanti progetti Made in Italy. Dopo solo tre eventi (due a Roma realizzati grazie a Luigi Capello di Luiss EnLabs e uno a Torino organizzato con Massimiliano Ceaglio e Agnese Vellar di I3P) ben 15 team italiani hanno ottenuto finanziamenti per un totale di 540 mila euro. Il progetto è partito nel maggio dello scorso anno quando è stato lanciato un pilot (AppSpark: un mix tra AppCampus e BizSpark) che nel giro di pochi giorni ha assegnato a 5 startup ben 190 mila euro e in meno di 4 mesi, grazie alla collaborazione con Soha Hohnecker, è diventato un programma internazionale di Microsoft presente in più di 40 nazioni.  

MAAC è un programma di accelerazione verso AppCampus, il fondo di investimento internazionale di Microsoft e Nokia gestito da Aalto University in Finalndia, che ha lo scopo di creare e supportare (con 18 milioni di euro) l’ecosistema di developer talentuosi intorno a Windows Phone e di identificare nel mondo le potenziali killer application del futuro. AppCampus opera in due modi: assegna un grant al team da 20 mila, 50 mila o 70 mila euro a seconda della complessità dell’app, e supporta i team selezionati con attività di training e mentorship durante e dopo l’uscita dell’app.

Come in tutte le storie che si rispettano, anche il MAAC è nato da un’esigenza molto precisa, ovvero capire il perché durante il primo anno di attività di AppCampus, dall’Italia erano arrivate pochissime candidature e tutte, tranne una, erano state rifiutate.  Tra l’altro, alcune di queste candidature rifiutate erano state fatte da quelle stesse startup che si stavano distinguendo per innovazione e capacità di execution in Italia e all’estero. Com’era possibile, quindi, che nessuna di queste riuscisse a farsi finanziare da AppCampus?

Maac_Torino1

Solo dopo un’attenta analisi si è riusciti a capire che tutte le candidature rifiutate avevano un fattore in comune: erano tutte ricavate dai business plan che le startup erano solite dare ai tradizionali VC. Peccato che AppCampus non è un fondo di investimento focalizzato sulla crescita della startup in quanto azienda ma, al contrario, è un fondo dedicato alla ricerca delle migliori idee capaci di diventare app mobile virali e rilevanti nei diversi mercati. Ci voleva quindi un programma di affiancamento ai team che avevano le migliori idee per aiutarli a trasformare l’idea di app in un piano concreto ed attuabile in tempi brevi. Da questo nasce la rivoluzione del MAAC.

appsparkworld_rome_1

Il modello MAAC esclude un training tradizionale focalizzato sullo skill transfer e la formazione in aula. Al contrario dà spazio a un’intensa attività di coaching.  Dopo la dura selezione delle migliori idee, 30 coach nazionali ed internazionali per due giorni fanno squadra con le startup ed aiutano i team a definire una concreta strategia per la propria app. I concetti intorno ai quali ruota il progetto MAAC sono due: migliori team e migliori coach. Partecipando a MAAC i team sanno che devono essere pronti a rimettere tutto in gioco e in cambio hanno a disposizione i migliori mentor per le singole aree dei progetti selezionati .

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili