2 milioni di euro contro il cancro. CellPly ottiene un seed funding

Fondata da Roberto Guerrieri e gestita da Massimo Bocchi, CellPly, startup biotecnologica basata a Bologna, ha ottenuto un finanziamento di 2 milioni di euro da parte di diversi investitori

Cellply2 milioni di euro. E’ l’ammontare del seed funding ricevuto da CellPly, la startup bolognese specializzata nella diagnostica molecolare. Italian Angels for Growth, Zernike Meta Ventures e Atlante Seed sono i tre principali investitori. Fondata nel 2013 da Roberto Guerrieri, dell’Università di Bologna, è gestita attualmente da Massimo Bocchi, Presidente e CEO.

Operante nel settore delle biotecnologie, Cellply ha sviluppato una piattaforma diagnostica per l’analisi cellulare che permette di verificare in vitro la risposta delle cellule tumorali a determinati farmaci. Perché è così rivoluzionaria? Per due motivi. Prima di tutto, solitamente gli esperimenti sulla risposta delle cellule tumorali vengono fatte direttamente sul soggetto in questione, in secondo luogo, si riescono ad orientare più facilmente le scelte degli oncologi e dei medici, conoscendo già alcune conseguenze di determinate cure.

La cifra ottenuta servirà a terminare la fase di sperimentazione del prototipo e a mettere a disposizione dei medici specialisti delle nuove soluzioni per modellare cure personalizzate sulla base delle caratteristiche specifiche del paziente.

Fonte FinSmes

UXGO: la startup che crea un sito web a partire da un mazzo di carte

UXGO è un’azienda che spinge sull’innovazione in un settore considerato tutto sommato senza idee particolari, rivoluzionando il workflow del web designer e del front-end developer e favorendo un dialogo con il cliente per la costruzione di un sito con meno dispendio di tempo e denaro. 

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.