StartCup Piemonte: alla ricerca di buone idee

Scadenza 4 maggio e 20 luglio per i due concorsi della StartCup Piemonte-Valle D’Aosta. Premi in denaro, formazione ed assistenza e possibilità di partecipare al Premio Nazionale dell’Innovazione

La Start Cup Piemonte-Valle d’Aosta è un concorso di idee imprenditoriali dedicato a tutti coloro che hanno un progetto innovativo.

La competizione, a partecipazione gratuita, prevede premi in denaro, formazione ed assistenza con tutor ed esperti del settore.

Possono partecipare le persone fisiche, singolarmente o in gruppo, facendo pervenire la domanda online sul sito ufficiale del concorso (www.startcup-piemonte-vda.it) entro due scadenze, il 4 maggio 2014 per il Concorso delle Idee e il 20 luglio 2014 per il Concorso dei Business Plan.

La competition si articola in 2 fasi. Nella prima fase – Concorso delle Idee – si presenta un’idea di impresa descrivendo sinteticamente il progetto ed evidenziando il contenuto innovativo e i settori applicativi.
 Nella seconda fase – Concorso dei Business Plan – si presenta un business plan completo, che descriva un progetto imprenditoriale, caratterizzato da un alto contenuto di conoscenza, tecnica o tecnologica, indipendentemente dal suo stadio di sviluppo. A questa fase, possono partecipare sia i vincitori del Concorso di Idee, sia soggetti che non vi hanno preso parte.

Il Concorso, finalizzato allo sviluppo locale, ha l’obiettivo di sostenere la nascita di imprese ad alto contenuto di conoscenza e promuovere lo sviluppo economico del territorio oltreché offrire ai partecipanti l’opportunità di confrontarsi con idee e persone già coinvolte nel mondo produttivo.

I premi di 10.000, 7.500 e 5.000 euro verranno erogati in denaro e saranno subordinati alla costituzione dell’impresa nella regione Piemonte o nella regione Valle d’Aosta; allo svolgimento di tutte le pratiche presso uno degli incubatori del Concorso (I3P, 2i3T, Enne3, UNIVER, Pépinières d’Entreprises) entro 365 giorni dalla comunicazione ufficiale dell’esito del Concorso; al conferimento del premio nel patrimonio netto dell’impresa; alla trasmissione del certificato di iscrizione alla CCIAA dell’impresa.

Entro il mese di ottobre si sapranno i vincitori e i primi 5 classificati assoluti acquisiranno il diritto di partecipare al Concorso “Premio Nazionale per l’Innovazione” 2014 che si terrà a Sassari a dicembre 2014. Vi saranno anche altri quattro “premi speciali” offerti da alcuni degli enti promotori.

Visto che in questo concorso assumerà un’importanza rilevante il business plan, è bene che sia benfatto per quanto concerne il piano economico/finanziario, ma anche in relazione al focus sul team imprenditoriale, alla descrizione del prodotto/servizio e dell’innovatività dell’idea, all’analisi del mercato e del contesto competitivo, al modello di business e relativa attività di marketing e, infine, alla struttura operativa. Curate anche l’executive summary del business plan, che non deve superare le due pagine, pur contendendo tutti i temi analizzati nel piano.

Cominciate subito a organizzarvi per la presentazione della domanda e ricordatevi che, qualora abbiate bisogno di aiuto, noi ci siamo per darvi una mano, anche nella semplice compilazione della domanda.

Marco De Paolis – Team Pro Business

[email protected]

Rimani aggiornato sui bandi in scadenza, segui i Deal di StartupItalia!

 

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.