La Campania apre la sfida sulla ricerca scientifica

Tempo fino al 21 aprile per mandare la candidatura a StartCup Campania. Oltre ai premi in denaro, sarà possibile partecipare alla finale del Premio Nazionale per l’Innovazione

È stata lanciata la competizione fra progetti d’impresa che si propongono di sviluppare prodotti e/o processi innovativi e che vede coinvolte tutte le Università campane.

Il Concorso, infatti, vuole riconoscere, alle iniziative imprenditoriali promosse dal mondo accademico, un ruolo importante nella valorizzazione economica della ricerca scientifica e premierà le più meritevoli in tale ambito.

La partecipazione è aperta a docenti, ricercatori, dottorandi, laureati, studenti e personale tecnico amministrativo che facciano parte di una delle Università promotrici (il cui elenco si trova nel bando http://www.startcupcampania.unina.it/regolamento.php).

L’idea imprenditoriale dei candidati dovrà essere innovativa e basata sulla ricerca scientifica, in qualsiasi campo e indipendentemente dal suo stadio di sviluppo, purché frutto del lavoro originale del gruppo o di un singolo componente del gruppo. L’“innovatività” dell’idea dovrà consistere nella realizzazione di un nuovo prodotto e/o servizio, nel miglioramento significativo di un bene materiale, di un processo di produzione, di un metodo di commercializzazione, nella realizzazione di un nuovo modello di organizzazione o di gestione delle attività d’impresa.

Una volta accertate tali caratteristiche si può procedere all’inoltro della domanda compilando l’apposito modulo disponibile sul sito www.startcupcampania.unina.it, entro e non oltre le ore 12 del giorno 21 aprile 2014.

Dal 5 maggio al 7 settembre 2014 sarà realizzata un’incubazione virtuale, durante la quale le idee imprenditoriali ammesse avranno diritto a partecipare ad attività di formazione in aula e di tutoraggio finalizzate alla stesura del business plan, articolato su temi di gestione d’impresa quali strategie, marketing, organizzazione, contabilità, finanza e tutela della proprietà industriale.

Realizzato ciò, il progetto d’impresa sarà da inoltrare alla Direzione del Premio che, entro il 30 settembre 2014, concluderà i lavori e procederà alla proposta di attribuzione dei premi disponibili sulla base di una graduatoria di merito. Chiaramente verranno utilizzati criteri già resi pubblici e comuni a questo tipo di competizioni, ma che ricordiamo ugualmente:

a) originalità dell’idea imprenditoriale;

b) valore del contenuto tecnologico o di conoscenza;

c) realizzabilità;

d) potenzialità di sviluppo e ambizione del progetto;

e) adeguatezza delle competenze del management team;

f) attrattività del mercato di riferimento;

g) qualità e completezza della documentazione.

Il primo premio ammonterà a 5.000 euro, 3.000 euro il secondo, 2.000 euro il terzo e 1.000 euro il quarto e quinto. Inoltre sarà previsto per i vincitori il versamento all’organizzazione del PNICube (www.premioinnovazione.it) della quota di partecipazione alla competizione nazionale. Eventuali altri premi o menzioni speciali potranno essere assegnati ai progetti idonei, su settori o iniziative specifiche, dal Comitato Scientifico e/o da soggetti terzi in base a distinte convenzioni.

Se non trovate risposta alle vostre domande nella sezione dedicata sul sito (http://www.startcupcampania.unina.it/faq.php) potete fare riferimento a noi scrivendoci a [email protected].

Marco De Paolis – TeamPro Business

[email protected]

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.