Coinvolgente ed esplosivo: è il Blank Disrupt che risveglia il Mediterraneo

6 workshop, 10 talk, 15 speaker e due giorni di lavoro. Il Blank Disrupt di Catania è stato un successo, soprattutto grazie alle persone che hanno partecipato. Ecco i commenti

 IMG_9328  Oggi vi racconterò una storia. È fatta di persone, ma anche di luoghi, passione e lavoro. Insomma, è una storia italiana come si deve.

Inizia a Catania e nasce come una sfida: perché il Mediterraneo, centro del mondo, lascia spesso il passo alle capitali del nord Europa quando si parla di innovazione? Non si può costruire qualcosa partendo dai luoghi difficili, che hanno sempre significato evoluzione, nel passato, ma che oggi sembrano solo una pallida immagine riflessa sullo specchio d’acqua che li bagna?

Inseguire ciò che accade nel resto del mondo è la cosa che meno si confà a chi costruisce l’innovazione.

Fornire supporto reale all’ecosistema dell’innovazione nel Mediterraneo, questo il motivo che ha spinto l’associazione Blank – Mediterranean Innovation Factory ed organizzare l’evento Blank Disrupt.

IMG_9341

Una due giorni piena all’inverosimile, ospitata da una città che da qualche anno a questa parte si sta svegliando da un sonno profondo, vedendo attori di ogni genere cooperare per risollevare le sorti di ciò che dovrebbe stare a cuore a tutti: la crescita verso il proprio futuro.

6 workshop, 10 talk, 15 speaker italiani ed internazionali, decine e decine di imprenditori, studenti, ricercatori, liberi professionisti, focalizzati verso la condivisione di conoscenze ed esperienze per un’innovazione disruptive che deve far voltare pagina. Un cuore pulsante che all’unisono si è lasciato contaminare, per diventare a propria volta propulsore per il territorio. Travel, Share and Be Active, come diciamo a YoutHub, ma stavolta a viaggiare sono stati altri verso i nostri lidi.

La cosa esaltante? Il modo di affrontare le cose, abbattendo le gerarchie, lasciando che i piccoli insegnassero ai grandi, collaborando sullo stesso piano, portando se e gli altri ad un livello superiore. Voglia di fare, sporcandosi le mani, sperimentando e provando senza tirarsi in dietro.

IMG_9311Organizzazione liquida, gamification, materiali innovativi, moneta virtuale, tutti temi che hanno puntato ad un solo, fondamentale scopo: far uscire dalla zona di confort i partecipanti, imparando a gestire se stessi e gli altri, aumentando la creatività e le capacità di adattamento e cogliendo le opportunità giornaliere.

Ho parlato di luoghi, passione e lavoro, ora manca la parte più importante di questo racconto: le persone. Sono loro che stanno plasmando dalle parole azioni che trasformeranno il nostro presente e daranno vita al nostro futuro.

È per questo che voglio lasciar parlare: le loro emozioni, che sono energia pura.

(Antonio ha chiesto ai ragazzi presenti di condividere in 140 caratteri le emozioni suscitate da Blank Disrupt. Di seguito riportiamo i migliori tweet. ndr)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.