Basta un "mi piace" per realizzare il sogno di Reclog

205 contro 37: quanto vale un “mi piace”? Tantissimo se si sta parlando di un articolo di TechCrunch su un competitor. Reclog, il social voice italiano, potrebbe riuscire a realizzare un sogno. Li aiutiamo?

Il 9 agosto 2013 usciva su StartupItalia! il primo articolo che parlava di Reclog. Da allora il team di Giovanni Cantamessa e Biagio Teseo ha portato il social voice italiano a scalare le classifiche degli app store, fino ad arrivare al quarto posto e addirittura tra i social network consigliati dalla Apple.

Oggi la beffa. Un articolo di TechCrunch scrive di un competitor, un certo Melodigram, una startup finlandese che ha appena chiuso un finanziamento di 700 mila dollari. Il founder Jonathan Massey racconta di come gli auguri di buon compleanno su Facebook siano sterili ed inutili, senza alcuna emozione. Sembra quasi uno scherzo: qualche mese fa Giovanni, raccontando i diversi utilizzi di Reclog, mi aveva detto la stessa cosa. Inoltre Melodigram è solo disponibile per iOs, mentre Reclog è presente anche su Google Play.

E quindi, come si fa? Andrea Vaccari insegna. Una storia simile: un articolo su TechCrunch su un competitor creato dopo la sua Glancee, un appello alla community italiana delle startup e finalmente l’attenzione dei media, del giornalista di TechCrunch in particolare, che è poi servito da trampolino di lancio. Fino ad arrivare a Facebook.

Quando è tornato in Italia, Andrea raccontava di come la nascente community di Italian Startup Scene l’avesse aiutato tantissimo, riuscendo a far ottenere al suo commento più like dell’articolo stesso.

Dunque, siete ancora qui a leggere l’articolo?

L’articolo ha già 205 mi piace, il commento solo 37. Veloci, tutti su TechCrunch a questo indirizzo http://techcrunch.com/2014/04/01/melodigram/ a mettere mi piace al commento di Giovanni Cantamessa. Potremmo avere presto un’altra bellissima storia da raccontare.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili