Il bando Europeo per le startup dell'Emilia-Romagna

Il 16 aprile scade il bando rivolto alle nuove imprese nel settore dell’economia a basse emissioni di carbonio. Sono ammesse le candidature di residenti o domiciliati in Emilia-Romagna

Aster, in qualità di partner dell’iniziativa europea Knowledge Innovation Community on Climate Change (Climate-KIC), promossa dall’Istituto Europeo per l’Innovazione e la Tecnologia, si è fatto promotore del programma di accelerazione “RIC Incubator and Accelerator”.

Alla sua terza edizione il programma vede coinvolte 6 regioni europee: Emilia-Romagna, Hessen (Germania), West Midlands (Regno Unito), Comunidad Valenciana (Spagna), Central Hungary (Ungheria) e Lower Silesia (Polonia).

Il bando “Ric Acceleration” è finalizzato a favorire lo sviluppo di nuovi progetti d’impresa nel settore della low-carbon economy (economia a basse emissioni di carbonio), attraverso un pacchetto di servizi gratuiti e contributi finanziari per i partecipanti selezionati.

Sono ammessi a partecipare al bando esclusivamente aspiranti imprenditori residenti e/o domiciliati in Emilia-Romagna, startup con sede legale e/o operativa in Emilia-Romagna, costituitesi dopo il 1 maggio 2013, o imprese, costituite dopo il 1 gennaio 2010, che stiano sviluppando un nuovo progetto di business nel low-carbon market.

Il programma è articolato in 3 fasi, per ognuna delle quali sono previsti servizi specifici:

  1. Development of an Initial Business Plan and Financial Model & Assumptions” (aprile-giugno 2014): 10 idee d’impresa potranno beneficiare di mentorship per lo sviluppo della propria idea e redigere un business plan nei suoi aspetti essenziali.

  1. Verify hypothesis and meet your clients” (giugno-settembre 2014): verranno ammessi 5 progetti d’impresa, dei quali si verificherà la fattibilità tecnico/economica/finanziaria e si darà loro assistenza sulla tutela della proprietà intellettuale, sugli strumenti di finanza agevolata e sull’attività di networking.

  1. Investor ready” (settembre-dicembre): verranno supportate 3 startup, già costituite per organizzare incontri con potenziali clienti e con investitori. Verranno erogati anche contributi finanziari, pari a euro 8.000, per spese di promozione, consulenza e acquisto di beni non ammortizzabili, di cui si dimostri l’utilità in rapporto all’attività principale dell’impresa.

Per partecipare basterà scaricare e compilare i moduli per la candidatura dal sito (http://www.aster.it/tiki-index.php?page=Ric%20Acceleration%20Doc#bando), prepararne una copia cartacea ed una elettronica e inviarle entro il 16 aprile 2014. La selezione per l’accesso alla prima fase del percorso sarà fatta unicamente sulla base della valutazione di merito della documentazione presentata.

Per ogni domanda inerente le vostre candidature potete scriverci a [email protected]

 

Marco De Paolis – Team Pro Business

4200 motivi per essere con noi a Milano il 17 Dicembre: #SIOS18

Perchè essere con noi il mese prossimo al Palazzo del Ghiaccio? I motivi sono tantissimi ma a pensarci bene e la vera ragione è fermarsi un attimo, un lunedì di Dicembre, di quelli in cui si fanno i bilanci, non solo economici, dell’anno che sta finendo e di quello nuovo che sta iniziando

Al via l’Erasmus per i giovani imprenditori europei

State pensando di avviare una vostra impresa o l’avete costituita da poco? Oppure siete imprenditori di successo alla ricerca di nuovi mercati e idee innovative? Il programma Erasmus per giovani imprenditori potrebbe fare al caso vostro

Viaggio nel mondo Pixel 3

Integrazione totale nell’universo Google. Dimensioni maxi, prezzo maxi. E una fotocamera posteriore rimarchevole. Com’è lo smartphone di Mountain View

Il forno intelligente Brava cuoce con la luce e adatta la temperatura ai cibi

Costa poco meno di mille dollari ed è stato lanciato per il momento solo sul mercato statunitense. Promette di restituire pietanze cotte in maniera uniforme con risparmio notevole di tempo ed energia

Diabete e fake news online: falsi due post su tre. La ricerca di Sanofi

Nella Giornata Mondiale del Diabete la società farmaceutica ha presentato uno studio che testimonia i rischi del web. Ma internet è anche il luogo dell’incontro e i social network possono motivare i pazienti