B-ventures punta al medicale: DNAphone e iDoctorPad, le due nuove startup

Un dispositivo per smartphone per analizzare il DNA e un’app per gestire cartelle cliniche: sono le due nuove startup che entrano nel programma b-ventures. Annunciato anche il prossimo passo: l’internazionalizzazione delle aziende

DNAphone1 (2) (1)

Un dispositivo ottico integrato con il proprio smartphone per analizzare il DNA e riconoscere gli agenti patogeni nell’industria agroalimentare (DNAphone) e un’applicazione per gestire cartelle cliniche specialistiche e calendario appuntamenti di medici e ambulatori (iDoctorPad). Sono queste le due startup selezionate dopo la seconda edizione del Pitch Day tenuto a Parma lo scorso 18 marzo.

Entrambe – a fronte della cessione del 10% della società – entreranno a far parte del programma di b-ventures, l’acceleratore di startup di Buongiorno nato a Parma nel Gennaio 2013.

«Siamo felicissimi dell’opportunità offerta» dicono Alessandro Candiani, Michele Sozzi e Alessandro Tonelli i tre fondatori di DNAphone. «Siamo pronti a metterci in gioco e investire tutte le nostre energie in questo progetto».

DNAphone entra infatti nella fase di incubazione della durata di 3 mesi. La speranza per i tre ricercatori dell’università di Parma è quella di accedere alla fase successiva di accelerazione.

DNAphone

30.000 mila euro cash e un portfolio di servizi logistici e professionali invece per il team REnuVo, la startup che ha realizzato iDoctorPad, pronta a entrare nella fase di accelerazione per i prossimi 9 mesi.

Fondata a Bologna da Lorenzo Pondrelli e Davide Gazzotti, iDoctorPAd ha già ricevuto i primi riscontri positivi dal mercato italiano. «Siamo orgogliosi dell’opportunità offerta da b-ventures e abbiamo già in programma nuove versioni per pazienti e cliniche, allargando la famiglia iDoctorPad anche ai mercati internazionali».

iDoctorPad

«Stiamo lavorando bene, e in pochi mesi b-ventures è diventata un polo di attrazione per giovani talenti a livello nazionale – si mostra molto soddisfatto Mauro Del Rio fondatore di Buongiorno e ideatore di b-ventures – stiamo già aprendo la fase di internazionalizzazione del programma offrendo agli imprenditori il supporto per estendere il loro business in nuove geografie, grazie al network di uffici e professionalità che Buongiorno offre in oltre 20 paesi nel mondo».

Talent Garden road to Vienna. A ottobre verrà aperto il primo hub “tedesco”

La piattaforma di networkink aprirà a ottobre una struttura nel cuore della capitale austriaca. Partner nell’iniziativa il business angel Startup300. Il CEO Dattoli: “Grande opportunità in una città in forte crescita”

Mastercard vuole “Accelerate” le startup fintech

Nuovo programma per spingere la crescita industriale delle giovani aziende del settore e le bache digitali. Già trenta quelle supportate dal colosso dei pagamenti

È nato lo Smarterware, il contenitore che ti dice quando il cibo sta andando a male

Prodotto dalla startup di Chicago Ovie, questo sistema è un led luminoso che si colora diversamente a seconda del tempo di conservazione di un alimento e può comunicare anche con l’assistente vocale di Amazon Alexa