Imprenditoria e occupazione giovanile: i due cardini del bando Unioncamere

Scadenza il 5 maggio per il bando promosso da Unioncamere che guarda alle persone con età inferiore ai 40 anni. 38 mila euro a disposizione per ogni azienda

«C’è un’Italia fatta di uomini e donne che hanno il coraggio di rischiare. C’è un’Italia fatta di giovani che sceglie di fare impresa e investe denaro, intelligenze e relazioni per diventare imprenditore. C’è chi imprenditore nasce e sceglie di proseguire nell’azienda di famiglia. E c’è chi imprenditore diventa partendo da zero. E c’è chi è tutto questo e fa impresa con coraggio e capacità di innovare dando un formidabile contributo alla crescita di tutto il Paese». Inizia così il Bando promosso da Unioncamere per sostenere l’imprenditorialità e l’occupazione giovanile, incrementando visibilità e reputazione delle imprese innovative, fondate o guidate da giovani con età inferiore ai 40 anni, la valorizzazione del loro talento con meccanismi virtuosi di best practice aziendali in grado di stimolare ulteriore innovazione, competitività e creazione di nuove progettualità sul territorio.

Al bando possono partecipare tutte le imprese con sede legale in Italia, iscritte nel Registro delle Imprese o presenti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo).

La candidatura deve essere presentata e firmata da un giovane imprenditore o manager/dirigente aziendale, con età inferiore ai 40 anni, che nell’azienda candidata al premio si è personalmente distinto facendosi promotore e/o facilitatore di un processo di innovazione.

È possibile candidarsi tramite il sito internet (www.innovatoridimpresa.it) entro il 5 maggio 2014: verrà chiesto il caricamento di documenti ed allegati che descrivano l’innovazione proposta, il vantaggio e il collocamento sul mercato rispetto alla concorrenza.

La valutazione prenderà in considerazione le performance economiche e produttive dell’azienda, il miglioramento della qualità della vita delle persone che ci lavorano, i vantaggi sul territorio e sul mercato in cui l’impresa opera, grazie all’applicazione dell’idea innovativa proposta.

Le tre categorie di premio previste sono per:

a) la migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona;

b) la migliore applicazione di nuove tecnologie, processi, strumenti o all’applicazione dei risultati della ricerca ai settori del made in Italy;

c) la migliore innovazione d’impresa con un forte valore “connettivo” (logistica, servizi di comunicazione, strumenti di collaborazione tra imprese).

Il valore di ciascun premio sarà di massimo 38.000 euro e servirà a garantire l’assunzione per un anno di uno o più collaboratori per implementare i contenuti dell’innovazione.

Per domande generali potrete trovare le risposte nell’apposita area FAQ disponibile sul sito internet (www.innovatoridimpresa.it).

Per verificare l’idoneità della vostra idea innovativa o per segnalare un’innovazione di un’impresa, che pensate possa partecipare al bando, scriveteci a [email protected].

Marco De Paolis – Team Pro Business

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.