Innovazione nel settore agroalimentare: il via alle selezioni

Tempo fino al 2 maggio per presentare domanda al bando ReFood, che guarda alle startup del settore food. Saranno selezionati tre progetti per il programma d’acclerazione

L’agroalimentare sta diventando sempre di più uno dei settori distintivi e portanti della nostra economia. All’estero, quando si parla di “Made In Italy”, dopo il fashion, l’ambito più citato è quello del food. Ciò fa capire il margine di sviluppo e l’importanza che può assumere una startup in questo settore. Tra l’altro, avendo Expo 2015 fatto del tema “food” la sua bandiera, facendosi promotore di un’alimentazione di qualità, sana e sostenibile, siamo sicuri che l’agroalimentare sarà in continua crescita e gli operatori del settore saranno sempre alla ricerca di nuove idee.

Abbiamo, quindi, aderito all’organizzazione del contest “ReFood”, promosso dall’Associazione 3040, le cui fasi finali si terranno tra fine giugno e inizio luglio in collaborazione con aziende leader del settore a livello internazionale.

Per questo contest stiamo cercando idee finalizzate a innovare in modo originale, direttamente o indirettamente, l’intera filiera agroalimentare. Potranno partecipare alla selezione persone fisiche, singole o in gruppo, o startup (costituitesi da non più di un anno dalla data di presentazione della domanda).

Dopo una prima selezione, realizzata da TeamPro Business e altri mentor, un comitato di selezione valuterà le dieci migliori idee sulla base di innovazione, applicazione delle conoscenze e soluzioni organizzative originali. I dieci finalisti verranno invitati a partecipare a un evento di due giorni in cui mentor, potenziali investitori e imprenditori di successo nei settori tradizionali del segmento agroalimentare metteranno la loro esperienza a supporto dei partecipanti per la pianificazione dell’idea. Sarà anche l’opportunità straordinaria di costruirsi un networking del quale si potrà usufruire anche in futuro.

Crediamo che ReFood sia l’inizio o il proseguimento di una sperimentazione di successo per ognuna delle idee selezionate. Questo è stato il principio per tante aziende di successo che, grazie a innovazione di processo, di prodotto, incrementale o radicale, sono riuscite a emergere in una sempre più serrata arena competitiva.

La contaminazione tra l’entusiasmo delle nuove idee e l’esperienza di imprenditori e mentor, rappresenterà una preziosa opportunità per le startup di presentarsi e promuoversi sotto una guida sicura.

Le tre startup vincitrici potranno usufruire di un programma di accelerazione ad hoc ed accedere ai canali di sviluppo internazionale degli imprenditori partner dell’iniziativa.

La domanda di iscrizione, contenente i dati personali dei partecipanti, una presentazione dell’idea imprenditoriale e l’ulteriore materiale, che si ritiene necessario allegare, dovrà pervenire entro e non oltre le ore 24 del 2 maggio 2014 tramite e-mail a [email protected].

Per qualsiasi informazione in merito al concorso e all’idoneità del vostro progetto, potete scriverci a [email protected].

Marco De Paolis – TeamPro Business

 

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili