I dati sul fatturato delle 1941 startup innovative

Solo 6 superano i 2 milioni di euro, 468 startup hanno un valore della produzione inferiore ai 110 mila euro annui. La Lombardia rimane in testa per numero di imprese innovative sul territorio, subito dopo l’Emilia Romagna

E’ uscito oggi il documento di InfoCamere relativo alle startup iscritte al Registro delle Imprese.

Sono 1941 le startup totali registrate. Tiene testa la Regione Lombardia con ben 393 startup, segue Emilia Romagna con 222 spodestando il Lazio che arriva sul podio con 199 startup. Subito dopo il Veneto con 159 e la Toscana con 133. Ultime, invece, Valle D’Aosta, Basilicata e Molise, rispettivamente con 7, 9 e 10 startup.

 

Tra le 1941 registrate, 6 rientrano nella classe di produzione compresa tra i 2 e i 5 milioni di euro; 10 fatturano tra l’1 e i 2 milioni; altre 10 sono incluse nella classe che supera il mezzo milione e arriva al milione; 20, invece, superano i 110 mila euro e arrivano al mezzo milione. Ben 468 hanno un fatturato inferiore ai 110 mila euro annui, la rimanente parte non ha ancora consegnato il bilancio del 2013, dunque non abbiamo nessuna informazione sul loro venduto.

Sul fronte dell’occupazione, invece, sembra che nessuna delle startup iscritte superi i 50 addetti. C’è da tener presente, però, che delle 1941 elencate, di 1290 società costituite non abbiamo dati a riguardo.

Solo 3 hanno un numero di addetti che supera la ventina, 23 startup sono state incluse nella fascia che va dai 10 ai 19 addetti, 625 si assestano al di sotto della decina (di cui ben 567 al di sotto dei 5 addetti).

E’ un Registro che cresce velocemente quello delle startup innovative: ne sono state registrate 35 solamente nell’ultima settimana, oltre un centinaio nell’ultimo mese. Si mantiene il ritmo ferrato di quasi 4 startup al giorno.

Ti potrebbe interessare anche:

Nasce 1 startup ogni 4 ore

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.