Il 75% delle startup finanziate da venture capital fallisce

Una startup può fallire anche se ottiene un cospicuo finanziamento? Sì, anche se è da parte di venture capital. Da uno studio emerge che il 75% delle startup finanziate fallisce e sono lasciate morire

Il Funnel del Venture Capital

“Ho avuto successo, sono stato finanziato da un VC americano”

“Abbiamo fatto un grande pitch e abbiamo ottenuto 350mila euro da un VC israeliano”

“Siamo al secondo round, crediamo di riuscire a raggiungere altri 500mila euro di finanziamenti da VC italiani ed europei”

Alzi la mano chi non legge/sente ogni giorno grida trionfali circa il raggiungimento del successo sotto forma di finanziamenti ottenuti da VC. Ma è indicatore di sicuro successo ottenere finanziamenti?

La riposta era già abbastanza ovvia ma anche la statistica ora viene in soccorso.

Mi riferisco infatti ad un recente studio pubblicato da CB Insights qualche settimana fa.

Questa analisi prende a riferimento circa 160 società tecnologiche finanziate in fase di seed da Venture Capitalist nel 2009 negli USA. Le principali evidenze di questa ricerca?

– Dopo il primo round di finanziamento, il 54% ottengono un secondo round;

– il 9% delle società ottiene almento 5 round di finanziamenti;

– il 75% delle startup fallisce e sono lasciate morire!;

– il 21% ottengono un exit attraverso una vendita o fusione (non sempre remunerativa).

E il rimanente 4%? Beh, parliamo delle vere “rising star”.

Originariamente pubblicato su StartupOver

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chi c’è e di cosa si parla al Data Driven Innovation a Roma

24 e 25 febbraio il Dipartimento di Ingegneria dell’Università Roma Tre ospita la seconda edizione dell’appuntamento dedicato alla data driven innovation. Fra gli speaker Raffaele Lillo (Italian Digital Transformation Team) che interviene sul tema Digital Transformation of the Italian Government

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era