Il 75% delle startup finanziate da venture capital fallisce

Una startup può fallire anche se ottiene un cospicuo finanziamento? Sì, anche se è da parte di venture capital. Da uno studio emerge che il 75% delle startup finanziate fallisce e sono lasciate morire

Il Funnel del Venture Capital

“Ho avuto successo, sono stato finanziato da un VC americano”

“Abbiamo fatto un grande pitch e abbiamo ottenuto 350mila euro da un VC israeliano”

“Siamo al secondo round, crediamo di riuscire a raggiungere altri 500mila euro di finanziamenti da VC italiani ed europei”

Alzi la mano chi non legge/sente ogni giorno grida trionfali circa il raggiungimento del successo sotto forma di finanziamenti ottenuti da VC. Ma è indicatore di sicuro successo ottenere finanziamenti?

La riposta era già abbastanza ovvia ma anche la statistica ora viene in soccorso.

Mi riferisco infatti ad un recente studio pubblicato da CB Insights qualche settimana fa.

Questa analisi prende a riferimento circa 160 società tecnologiche finanziate in fase di seed da Venture Capitalist nel 2009 negli USA. Le principali evidenze di questa ricerca?

– Dopo il primo round di finanziamento, il 54% ottengono un secondo round;

– il 9% delle società ottiene almento 5 round di finanziamenti;

– il 75% delle startup fallisce e sono lasciate morire!;

– il 21% ottengono un exit attraverso una vendita o fusione (non sempre remunerativa).

E il rimanente 4%? Beh, parliamo delle vere “rising star”.

Originariamente pubblicato su StartupOver

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digithon, spiegato | Boccia (founder): «Siamo una startup che vuole fare ecosistema»

Fino al 25 giugno, tra Bisceglie e Barletta, la maratona del digitale: dibattiti con istituzioni ed esperti del settore, pitch session. Francesco Boccia ci racconta le novità dell’iniziativa, giunta alla seconda edizione

Aggiornamento Unicode | Fra gli 8 mila nuovi caratteri, anche il simbolo del Bitcoin

Introdotto con l’aggiornamento 10.0, in arrivo sui dispositivi nei prossimi mesi. Intanto un’azienda sudcoreana paga un riscatto record: un milione di dollari in Bitcoin per liberare i propri server dal ransomware Erubus

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi