Metwit, la startup che parla del tempo (e non in modo banale)

Che tempo fa? Lo dice Metwit, anzi ognuno di noi. L’app è un servizio di crowdsourcing per sapere in tempo reale le condizioni climatiche del posto che ti interessa

Metwit1

«Potresti aspettare un secondo, non trovo l’ombrello… Credo di essermelo dimenticato a casa…» Una conversazione del genere potrebbe non avere nulla di strano, ma è Michele Ruini, 32 anni, origini di Sieci (FI) e CEO di Metwit, la startup del meteo.

Metwit, infatti, è una piattaforma di meteo crowdsourced. Tutti possono condividere la situazione metereologica della propria zona e scoprire quella presente in altre città.

Come è nata l’idea?

Sono un grande appassionato di arrampicata e per me è molto importante sapere esattamente che tempo fa. L’idea però non è venuta a me, è venuta a Duccio (Catalioto, ndr), che l’aveva presentata ad un evento. Io mi ero unito.

Di cosa ti occupavi prima di entrare in Metwit?

Lavoravo in 2Spaghi, la startup dei ristoranti.

Quanti siete nel team?

Siamo  io e Duccio, poi c’è Davide, 27 anni, e Simone di 24. Siamo tutti sviluppatori, adesso stiamo cercando di sviluppare meglio il business e di prendere un collaboratore. Mitwit è solo uno dei nostri lavori, un esperimento della nostra occupazione, non siamo un player meteo.

Qual è quindi la vostra occupazione?

E’ offrire alle aziende servizi di crowdsourcing. Raccogliamo dati dalle basi utenti e offriamo strumenti di analisi.

Adesso dove siete basati?

Dopo un periodo di tre mesi a Dubai, siamo approdati a TechPeaks a Trento. Da quando si è quassù si cerca di quagliare.

Ritorniamo a Mitwit. In questo periodo ci sono stati disastri in tutta Italia a causa del maltempo, come ha reagito l’utenza dell’applicazione?

Abbiamo circa 20 mila utenti e sicuramente quando c’è brutto tempo l’app funziona meglio.

Obiettivi futuri?

Fare soldi.

Giusto. In che modo?

Vendendo il servizio di crowdsourcing a più aziende possibile e poi stiamo creando un ombrello sensoriale. Il prototipo è già pronto, metteremo la campagna di crowdfunding su Kickstarter.

Chissà se riuscirà a dimenticarsi a casa anche questo di ombrello…

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.