Flazio, la promettente startup siciliana che sfida WordPress

Nata nel 2011 grazie ai fratelli Elisa e Flavio Fazio, la startup che aiuta a creare siti in maniera facile e veloce continua a crescere e punta ad espandersi ancora all’estero

Flazio

106.884. E’ il numero di siti creati finora da Flazio. Flazio non è il nome di uno sviluppatore molto bravo e veloce, ma è una piattaforma online creata dal team siciliano capitanato da Elisa e Flavio Fazio. Sono partiti nel 2011 con l’idea di rendere facile la creazione di siti web. E ci sono riusciti grazie alle tecnologie usate dal loro servizio di web site building: si sceglie il tema che si preferisce, si aggiungono tutte le funzioni necessarie e si dispongono sulla pagina esattamente come si vuole. Ciò che si dice “what you see it’s what you get”. E’ possibile anche creare siti a partire dalle pagine Facebook. «E’ un sistema visuale, molto intuitivo, a differenza di WordPress, e c’è una varietà di template molto vasta» assicura Alessia Di Raimondo, che si occupa di comunicazione e digital PR all’interno della startup.

Anche il prezzo è una bella sorpresa: è gratis, se si sceglie un dominio secondario; passa invece a 9 euro al mese se si vuole un dominio primario ed altri servizi accessori. E proprio qui va precisato che, mentre alcuni competitor detengono il dominio e non permettono agli utenti di trasferirsi, con Flazio si diventa proprietari anche del dominio. «Immagina che una grande azienda dopo aver utilizzato il nostro servizio ed essersi posizionata nel web con un certo dominio debba poi cambiarlo, rischiando di perdere la clientela; sarebbe un bel problema» racconta Alessia, spiegando che la loro startup cerca di evitare situazioni del genere.

Attualmente il servizio è disponibile in Italia e in Francia, ma puntano ad espandersi anche in Inghilterra e negli Stati Uniti, dove erano già andati per partecipare alla scuola di Mind The Bridge a San Francisco. Verso la fine del 2012 hanno ottenuto un finanziamento di 400 mila euro da diversi investitori italiani e hanno ampliato il team fino all’attuale numero di 15 persone. Sono finiti anche sulle pagine web di TechCrunch e vogliono continuare a crescere senza sosta.

«E’ una tra le startup più promettenti che abbiamo a Catania». Parola di Antonio Perdichizzi.

I jeans sono tra i prodotti fashion più inquinanti. Una startup li fa ecosostenibili

Pagurojeans è una startup parmense che ha ideato un modo ecosostenibile per produrre jeans, riducendo del 60% i consumi di acqua e del 40% quelli di energia. Per sostenerli c’è tempo fino a sabato

Fiori e sugarfree, cosa mangeremo nel 2018? I trend food secondo TheFork

Se il 2017 ha visto trionfare cibo nero e avocado, l’app per la prenotazione online dei ristoranti ha delineato le coordinate per il nuovo anno. Tra fiori, cibi sugar free e locali, ecco quali saranno i trend nel food nel 2018 secondo TheFork

#SIOS17 | In-recruiting la piattaforma che semplifica la selezione HR

Perdita di dati, comunicazioni errate, tempi lunghi: In-recruiting supporta le aziende semplificando il processo di selezione del personale. E con il software cloud based i profili dei candidati vengono aggiornati continuamente