Premio Gaetano Marzotto: alla ricerca dei nuovi imprenditori

Tempo fino al 18 giugno per candidarsi al Premio Gaetano Marzotto. In palio 300 mila euro per il primo classificato, in tutto è stato messo a disposizione quasi 1 milione di euro

Il Premio Gaetano Marzotto cerca nuovi imprenditori e costruttori di futuro, che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società e vuole contribuire a creare una piattaforma dell’innovazione italiana, individuando e sostenendo i progetti imprenditoriali più promettenti, che offrano opportunità di incontro tra l’ecosistema delle startup e il sistema industriale e produttivo italiano.

Il montepremi è di oltre 1 milione di euro ed è ripartito fra premio per l’impresa, premio dall’idea all’impresa e premio speciale UniCredit Start Lab dall’idea all’impresa.

Il primo premio (del valore di 300 mila euro in denaro e un percorso di affiancamento della Fondazione CUOA del valore di 25.000 euro) è destinato alla migliore impresa innovativa, già costituita, con capacità di generare significative ricadute positive negli ambiti sociali territoriali, culturali o ambientali. Il Premio dall’Idea all’Impresa, invece, è riservato ai giovani fino a 35 anni di età e consiste in un riconoscimento in denaro (50 mila euro) e in periodi di residenza all’interno di incubatori e acceleratori di impresa, quali Boox, Cesena Lab, Consorzio Arca, Digital Magics, FabriQ, Fondazione Filarete, H-Farm, I3P, Impact Hub, Industrio Ventures, InnovationFactory, JCube, LUISS Enlabs, M31, Nana Bianca, Polihub, Progetto Manifattura, Seedlab, Talent Garden, The Net Value, Trento Rise e Vega, con programmi dedicati per trasformare le idee in impresa. Il premio speciale UniCredit consiste invece in un percorso, che prevede attività di mentoring, assistenza e formazione per un valore complessivo di 150 mila euro.

La competizione è aperta a persone fisiche, team di progetto, imprese startup, imprese già costituite, cooperative e associazioni.

Per partecipare è necessario presentare il proprio progetto tramite la piattaforma disponibile sul sito (http://partecipa.premiogaetanomarzotto.it) entro e non oltre il 18 giugno 2014. Nello specifico, il progetto imprenditoriale da presentare deve essere innovativo, originale, finanziariamente sostenibile e in grado di generare ritorni economici ed avere un impatto sociale positivo sul territorio italiano (ad esempio, rispondere ad un bisogno concreto, migliorare la qualità della vita delle persone, valorizzare la cultura italiana, migliorare l’ambiente, il territorio).

Ogni Premio avrà una giuria dedicata, che valuterà e selezionerà la migliore proposta per ogni categoria in base ai seguenti criteri: presenza di un partner di valore, team, novità del prodotto o servizio, attrattività del mercato di riferimento e impatto sullo stesso, finalità di utilizzo del Premio e business plan.

La comunicazione dell’esito delle preselezioni avverrà entro il 30 settembre 2014, la semifinale sarà il 30 ottobre e la finale del Premio si terrà il 27 novembre 2014.

Noi ci siamo per supportarvi nella stesura di tutti i documenti necessari, qualora aveste bisogno di un aiuto. Potete scriverci a [email protected].

Marco De Paolis

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Un drago virtuale sorvola uno stadio in Corea del Sud grazie al 5G. Video

Lo scorso 23 marzo l’ologramma di un essere alato ha lasciato a bocca aperta il pubblico coreano con una performance di realtà aumentata resa possibile dalla connessione ad altissima velocità

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.