Exosphere: il bootcamp che insegna a rischiare nel modo giusto

Un’alternativa alle istituzioni tradizionali, un’opportunità per imparare da persone con esperienza e una community: tutto questo è Exosphere. Ce la racconta Niccolò Viviani

 exosphere2 Mi sono innamorato della sua filosofia e della sua visione quando Exosphere era ancora solo un’idea.  Oggi, 1 anno dopo il primo incontro, sono Chief of Staff e partner, e l’idea si sta concretizzando. Già più di 70 persone, da tutto il mondo, hanno pagato e attraversato il mondo per partecipare ad uno dei nostri boot camp.

Ad Exosphere ho trovato ciò che stavo cercando. Ho trovato persone di cui condivido valori e visione. Ho avuto l’opportunità di imparare moltissimo da persone di estrema esperienza e conoscenza, di lavorare per creare quell’alternativa alle istituzioni tradizionali che il mondo necessita con tanta urgenza, e di incontrare altri giovani da ogni angolo del pianeta che, condividendo la passione per una vita indipendente, imprenditoriale, e volta all’innovazione tecnologica e sociale, hanno deciso di rischiare e investire su sé stessi.

Exosphere

Exosphere è un’istituzione in cui si intrecciano apprendimento, crescita personale e creazione. E’ una learning and problem solving community, che tramite le proprie attività aiuta le persone a crescere spiritualmente, stabilire relazioni genuine con altre persone, e a trovare la propria vocazione creando, inventando, e costruendo business che risolvano problemi reali nel mondo. Lo fa attraverso un percorso, un processo che coinvolge attivamente i partecipanti, tramite discussioni di gruppo in circolo, letture condivise, peer learning, attività pratiche,  contest di gruppo e supporto per business reali.

I partecipanti hanno l’opportunità di aprire il proprio orizzonte delle persone alle tematiche legate all’essere indipendenti, ad avere fiducia in sé stessi, ad introdurre antifragilità nella propria vita, ad imparare a sopportare l’incertezza e l’ambiguità della vita, a saper trovare equilibro nell’instabilità, ai principi dell’imprenditoria e di come affrontare il mercato reale, all’importanza di creare valore e risolvere problemi reali delle persone reali.

Exosphere3“THIS LAW 1: BE SHOES!

BEST PRODUCT TAKE THING PERSON DO. DO BETTER!

WORST TAKE THING NO ONE DO. BETTER NOT MATTER!

NO ONE WANT DO NEW THING. MAKE SHOES INSTEAD. EVERYONE LIKE SHOES. GO ON FEET, MAKE WALK BETTER.

MOST IMPORTANT: NOT WALK DIFFERENT.” ― FAKE GRIMLOCK, Secret Laws of Startup

Questi sono i valori e i principi su cui Exosphere è fondata, e che vogliamo portare, per quanto possibile, nella vita del maggior numero di persone possibile. Le nostre attività al momento sono in 2 format: BootCamp, di 2 mesi in Cile, e Exobase, esperienze di 2 giorni, in diverse parti del mondo. Exobase è creata per essere un’esperienza a sé stante, in cui i partecipanti vengono immersi in un processo, relativamente corto ma intenso, in grado di lasciar loro in mano qualcosa di concreto per iniziare a prendere controllo della propria vita. Quest’estate andremo negli Stati Uniti, in altre parti del Sud America e in Europa. In Italia le tappe sono Puglia e Venezia. Questa la pagina del nostro sito dedicato a Exobase: http://exosphe.re/exobase/.

Vi aspetto a Barletta o Venezia!

Niccolò Viviani

Che cos’è il PropTech e perchè cambierà il settore immobiliare

Tra il 2011 e il 2017, le società di venture capital hanno investito 9 miliardi di dollari in società PropTech. Queste nuove società, insieme alle istituzioni finanziarie all’avanguardia, apporteranno un cambiamento positivo nell’esperienza del cliente nel settore immobiliare.

Huawei P30 Pro, la nostra anteprima da Parigi

Presentata la nuova ammiraglia dell’azienda cinese. Con una fotocamera innovativa, capace di scattare foto anche nel buio assoluto. E una lente a periscopio per un super-zoom

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.