Tecnologia: l'ambiente (spesso) ne risente

50 milioni di tonnellate a livello mondiale: è il dato relativo all’e-waste del 2009. L’innovazione, che da una parte porta progresso, dall’altra sta creando un problema ambientale grave. Ecco il bando che cerca le migliori soluzioni

ewaste

Green Electronics è la competizione internazionale online per trovare idee al fine di gestire i rifiuti elettronici. L’iniziativa è promossa da Stati Uniti e Cina, principali produttori di e-waste, per incentivare l’innovazione e lo scambio interculturale creando nuovi prodotti elettronici e sostenibili, trovando soluzioni nei metodi di riparazione o nello smaltimento dei rifiuti. Il 31 maggio è la data conclusiva per partecipare.

L’iniziativa parte dalla necessità di trovare una soluzione alla crescente quantità di spazzatura elettronica che ogni anno viene prodotta. Secondo uno studio della Columbia University, nel 2009 i rifiuti erano pari a 50 milioni di tonnellate a livello globale ma, già alla fine del 2014, si prevede che la cifra raggiunga i 72 milioni di tonnellate.

Il rapido sviluppo della tecnologia, la crescita dell’industria elettronica e la diffusione dell’Internet of things comporterà il continuo acquisto di nuovi prodotti e, di conseguenza, l’aumento di rifiuti. Nel 2012 solo la Cina ha generato 7,25 milioni di tonnellate di e-waste, collocandosi al secondo posto dopo gli Stati Uniti con 9,4 milioni di tonnellate.

Computer, cellulari, laptops, e-book reader: il numero dei device in possesso dei singoli si moltiplica. Se da una parte la tecnologia ha un effetto positivo sulla società in termini di innovazione, cultura e trasparenza, nello stesso tempo non si può sottovalutare l’impatto negativo che gli strumenti hanno sull’ambiente e sulla salute delle persone.

L’e-waste è costituito da metalli preziosi come oro, argento e platino ma contiene anche sostanze tossiche come mercurio, piombo e cadmio. Spesso gli strumenti elettronici vengono abbandonati nei campi agricoli o lungo i canali dove rilasciano queste sostanze dannose, oppure vengono bruciati con conseguenze gravi per l’inquinamento dell’aria. Per questo è diventato ormai inevitabile trovare delle soluzioni per gestire questi rifiuti, puntando soprattutto al riciclo dei materiali.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili