Unipol alla ricerca di nuove startup da incubare

Tempo fino al 10 luglio per candidare la propria idea ed entrare a far parte dell’incubatore bolognese

 Unipol Ideas, l’incubatore d’impresa per l’innovazione sociale del Gruppo Unipol, lancia una “Call for Ideas” per trovare risposte innovative ai bisogni di domani.

Unipol Ideas vuole essere una piattaforma di open innovation, che promuove la collaborazione e la contaminazione tra le risorse e le competenze del Gruppo Unipol, e punta ad essere un luogo dove far crescere i progetti imprenditoriali, testarli sul mercato, incontrare i partner giusti e raccogliere fondi per poterli trasformare in impresa.

L’incubatore è realizzato con il supporto ed il contributo di Make a Cube, mentre partner strategici sono il Laboratorio di Fisica dell’Università di Bologna e il Mobile Experience Laboratory del MIT – Massachusetts Institute of Technology. Questo fa sì che gli ambiti nei quali sviluppare le idee siano così vari da coprire vari ambiti: la mobilità, con riferimento a prodotti, servizi e soluzioni per innovare il modo di muoversi delle persone, migliorando la sicurezza sulla strada, la vivibilità delle città, la qualità della vita e riducendo l’inquinamento; l’utilizzo e valorizzazione di risorse sottoutilizzate (ad es., la fruizione condivisa e collettiva di beni, strumenti e servizi); l’assicurazione, il credito e la finanza (ad es., l’educazione finanziaria e la gestione del rischio; l’automatizzazione e la dematerializzazione delle transazioni; i micropagamenti ed il microcredito; la personalizzazione dei servizi finanziari); la resilienza e la prevenzione, che comprendono prodotti, servizi e soluzioni mirati a diffondere una cultura della prevenzione, condivisione o gestione del rischio, in particolare nell’ambito dell’adattamento al cambiamento climatico e della prevenzione dalle catastrofi naturali.

Il bando è aperto a realtà già costituite ed operative da non più di 36 mesi e a gruppi di aspiranti imprenditori. Ciò che viene offerto è un programma di accelerazione d’impresa intensivo (tra ottobre e dicembre 2014) e un’attività di accompagnamento per i successivi 4 mesi, insieme ad un team di esperti di innovazione sociale e di sviluppo d’impresa.

Per candidarsi occorre avere un’idea innovativa, utile, sostenibile economicamente, scalabile o replicabile, misurabile attraverso indicatori di efficacia ed efficienza, non solo per quel che riguarda le performance economiche, ma anche per gli impatti ambientali e sociali generati dall’attività, in termini di outcome.

Ai partecipanti selezionati verrà garantito vitto e alloggio per tutta la permanenza a Bologna (dove ha sede l’incubatore) e una piccola diaria di 600 euro al mese. Ogni startup sarà adottata da una direzione aziendale Unipol per favorire uno scambio di conoscenze e competenze e avrà l’opportunità di entrare nell’Albo Fornitori del Gruppo. Non mancheranno sessioni di tutoraggio, lezioni frontali, testimonianze ed esperienze di apprendimento sul campo.

La candidatura deve essere presentata entro il 10 luglio 2014 tramite il form disponibile sul sito http://www.thefuturetobe.it/concorso/. I migliori 40 team saranno contattati per un colloquio di approfondimento entro fine luglio e i 10 team partecipanti saranno selezionati entro il 15 settembre.

Se avete domande, richieste di chiarimenti o suggerimenti da dare agli organizzatori del concorso potete inviare una mail a [email protected] Per un supporto invece sulla candidatura del vostro progetto siamo a disposizione: scrivete a [email protected]

 

 

 

Marco De Paolis

 

Community, Engagement e Design: gli ingredienti per co-creare al meglio insieme ai tuoi clienti

Giuseppe Montella a ottobre 2018 entra in illimity come Head of Design con l’obiettivo di disegnare un’experience differenziante per una banca di nuovo paradigma, all’insegna del coinvolgimento dei clienti, prototipazione e continua sperimentazione

Dalla paura della flebo un’intuizione per aiutare i bambini malati: Medi Teddy

Una ragazzina di appena 12 anni, Ella Cusano, ha avuto l’idea di trasformare il suo orsacchiotto in uno stratagemma per nascondere la sacca delle sue trasfusioni che tanto le facevano impressione. Da lì l’idea di diffondere il suo diversivo a molti pazienti della sua età

Emirati Arabi, Pure Harvest: il nuovo petrolio sono i pomodori

Le condizioni climatiche proibitive costringono il Paese a fare massicce importazioni di frutta e verdura. Una startup promette di far nascere i pomodori nel deserto