Una rete europea di startup: il bando di Startup Europe Partnership

Internazionalizzazione e contatti con investitori e fondi di venture capital: alcuni vantaggi di candidare la propria startup sulla piattaforma della Startup Europe Partnership. Ecco i dettagli

Startup Europe Partnership (SEP) è un’iniziativa con l’Unione Europea mira a rafforzare il Vecchio Continente come zona di crescita e sviluppo attraverso le startup, alle quali vuole fornire agevolazioni per reperire i finanziamenti, con cui possono innovare e creare occupazione.

Startup Europe Partnership si presenta come una piattaforma dedicata alla crescita delle startup a livello dell’Unione Europea, nella cui coordinamento sono coinvolte l’italo-americana Mind The Bridge e la fondazione per l’innovazione inglese Nesta. Tra i sostenitori Startup Europe Partnership annovera, invece, lo European Investment Bank Group, la Cambridge University, la IE Business School e l’università tedesca HIIG Berlin e molte altre Istituzioni.

La missione di Startup Europe Partnership sarà lanciare le startup a livello internazionale, aiutandole a scalare, a raggiungere gli obiettivi prefissati e aprendo la possibilità di diventare le prossime aziende guida dell’industria hi-tech globale. A tal fine, si organizzeranno matching con le maggiori multinazionali interessate ad azioni di scouting, procurement e seed investment.

Entrare a far parte di Startup Europe Partnership ed ottenere lo specifico badge attribuisce alle startup una garanzia di qualità e affidabilità ampliando la possibilità di attirare l’attenzione di investitori e fondi di venture capital.

Per candidarsi, la procedura è molto semplice: basta collegarsi al sito (http://startupeuropepartnership.eu/startup-application-form/) e completare l’application form.

Per maggiori dettagli su Startup Europe Partnership potete inviare un’email a [email protected].

Marco De Paolis

 

Da adesso i turisti cinesi in Italia possono pagare i taxi con una app

Grazie alla partnership tra Tinaba, Alipay e IT Taxi, da adesso gli utenti del sistema cinese Alipay possono pagare i taxi usando il QR code: l’accordo diffuso è operativo in dodici città italiane – Roma e Milano, oltre a Brescia, Trieste, Genova, Sanremo, Bologna, Reggio Emilia, Firenze, Pisa, Prato, Palermo – per un totale di ottomila taxi.

Addio tata arriva Bocco Emo, il robot smart che cura tutta la famiglia

Creato dalla startup Yukai Engineering, il simpatico robottino è stato progettato per fare compagnia a bambini ed anziani presenti in casa e per monitorare la sicurezza dell’abitazione

Nuove frontiere food: Che cosa imparare dalla Silicon Valley. Intervista a Chiara Cecchini

Un’intervista a tutto tondo alla direttrice della sede Americana di Future Food Institute e Venture Partner di Global RIFF. Tra nuove tendenze e startup affermate c’è spazio anche per parlare di donne e innovazione