1300 idee di startup: così si chiude la call di Working Capital

41 grant da 25 mila euro destinati alle startup di tutta Italia. I selezionati entreranno a far parte del programma di accelerazione di Working Capital, presente in 4 città italiane

Lunedì sera, a mezzanotte in punto, si è chiusa la Call for Ideas 2014 di Working Capital. La passione, il desiderio d’innovazione e l’entusiasmo si riflette nel numero di progetti proposti. Sono state oltre 1.300 le idee d’impresa caricate e un totale di 1.600 registrati. E non tutte provenienti dai confini del bel paese. Per la prima volta, infatti, #Wcap ha lanciato una Call internazionale e la risposta non si è fatta attendere.

Il 26 Maggio, a sorpresa, Working Capital ha deciso d’istituire un quarantunesimo Grant da aggiungere ai 40 iniziali. Questa special mention è stata denominata #FunkyGrant, in ricordo del Funky Professor Marco Zamperini, uno dei pionieri del web italiano prematuramente scomparso nel 2013.

Da ieri è iniziata l’analisi di tutti i progetti per selezionare i 40 (+1) a cui consegnare il Grant da €25.000 e che verranno ospitati negli spazi di Working Capital per sviluppare il loro progetto in vista dell’ingresso sul mercato. Il percorso di accelerazione durerà da Luglio a Ottobre presso uno di 4 acceleratori #Wcap e, durante questo tempo, le startup seguiranno i corsi previsti ed entreranno ufficialmente a far parte dell’Albo Veloce del Gruppo Telecom Italia.

La lista dei team selezionati sarà annunciata tra fine Giugno ed inizio Luglio.

Ti potrebbero interessare anche:

Dettori: “L’essenza delle startup sono i giovani che si mettono in gioco”

Laura Boldrini a WCap: “Ricerca e nuove idee: così si esce dalla crisi”

Da San Francisco i nuovi trend su Intelligenza Artificiale e Machine Learning

A 10.000 chilometri di distanza e dopo 70 ore di codice e best practice internazionali, i Data Scientist di illimity raccontano quali sono i nuovi trend di Intelligenza Artificiale con cui le aziende devono misurarsi

Chi sono gli alunni “plusdotati” e perchè è importante che siano riconosciuti dal Miur

Momento storico per gli alunni plusdotati in Italia. Il Ministero dell’Istruzione “ha riconosciuto”, per la prima volta, all’interno del sistema degli alunni con bisogni educativi speciali anche quelli ad alto potenziale cognitivo. L’intervista con la presidente di Aget Italia