Friuli Innovazione: il bando per le startup che guardano all'Est Europa

Tempo fino al 2 giugno per mandare la propria candidatura a Friuli Innovazione e avere l’occasione di andare a Budapest ad incontrare investitori. I 3 progetti selezionati potranno accedere anche ad un periodo di incubazione

Avete tempo fino al 2 giugno per candidarvi alla competizione promossa da Friuli Innovazione destinata a potenziali imprenditori e startup con progetti innovativi nell’ambito del progetto PROFIS “Promotion of Financing Innovation in South-East Europe (SEE)”.

Con questo contest si vuole offrire l’accesso ad un corso di formazione e tutoring di alto livello e, ai primi 3 classificati, anche la partecipazione alla competizione internazionale, che si terrà il prossimo novembre a Budapest, dove a ogni startupper verrà data l’opportunità di presentare il proprio progetto di impresa dinnanzi ad investitori di 9 diversi Paesi dell’area SEE. Friuli Innovazione: il bando per le startup che guardano all’Est EuropaAi migliori progetti di impresa selezionati saranno messi a disposizione altresì un periodo di incubazione gratuita presso Techno Seed, l’incubatore certificato di Friuli Innovazione, nonché un servizio di supporto nella realizzazione di un progetto di scambio con imprenditori esteri.



Per presentare la vostra idea affrettatevi a compilare il form disponibile sul sito di Friuli Innovazione. Ci sono ancora pochi giorni prima della scadenza fissata il 2 giugno.

Se avete necessità di 

qualsiasi chiarimento sul contest potete scrivere a

[email protected]

o telefonare al numero 0432 629919.

Marco De Paolis

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana