Ecco le 5 vincitrici del premio Startup dell'anno

Ennova è stata dichiarata migliore startup del 2014. Oggi a Pisa si è tenuta la cerimonia di premiazione del PNICube presso la Scuola Sant’Anna

ennova

E’ Ennova la vincitrice del premio Startup dell’anno. Si è tenuta oggi a Pisa la cerimonia presso l’aula magna della Scuola Superiore Sant’Anna. Fondata nel 2011 da Fiorenzo Codognotto e Michele Scarici, che oggi è AD della società, per reinventare i servizi di customer care adattandoli al mondo mobile, oggi conta ben 270 dipendenti, di cui 35 impiegati in ricerca e sviluppo. Ennova è stata incubata in I3P, l’incubatore del Politecnico di Torino, affinché l’imprenditoria incontrasse la ricerca. E pare esserci riuscita. Oltre al premio Startup dell’anno, un grande riconoscimento nazionale, Ennova ha portato a casa anche il premio dell’Ambasciata UK in Italia. Avrà, quindi, accesso al programma UKTI Global Entrepreneur Program (GEP) e parteciperà alla cerimonia finale degli UK-Italy Business Awards, che si terrà a Milano a gennaio 2015.

CoRehab, la startup di David Tacconi che opera nel settore della fisioterapia, ha vinto, invece, il premio speciale Unicredit StartLab. Riablo, il prodotto di punta dell’azienda, è uno strumento di controllo e motivazione per i pazienti in cura fisiatrica. Attraverso una pedana e dei videogame, le persone possono fare gli esercizi in modo corretto e divertente. Il fisioterapista, d’altro canto, può monitorare in modo preciso i miglioramenti del paziente.

Il premio [email protected] dell’Ambasciata di Francia in Italia è stato aggiudicato a Innosensor, impresa romana che si occupa della progettazione, dello sviluppo e della commercializzazione di sensori e sistemi sensoriali. Nata nel 2012, è uno spin off dell’Università di Roma Tor Vergata.

EgoHealth, invece, ha ottenuto il riconoscimento speciale Parchi scientifici e tecnologici. Fondata da Valerio Montagnani, Gabriele Messina, Gabriele Cevenini, Sandra Burgassi e Daniele Messina, si occupa di innovazione nel settore medico, in particolare propone soluzioni di hardware e software per la bioingegneria e l’informatica biomedica.

Infine, il Premio Speciale M31, è stato ricevuto da Kiunsys. La startup, nata nel 2011 nella provincia di Campobasso, che rende più semplice la mobilità nelle zone cittadine. Attualmente ha sede all’interno dell’Incubatore sviluppo Molise e ha già distribuito 600 mila mobility pass, la soluzione ai problemi di identificazione e di contraffazione dei permessi di sosta.

Ti potrebbero interessare anche:

Kiunsys, innovazione in mobilità

David primo, re d’Europa: chiedimi se sono felice

Perché Ennova è la migliore startup dell’anno secondo noi

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.