Sviluppo Campania: fino a 250 mila euro a giovani e donne

Tempo fino al 30 settembre per presentare domanda al bando e ottenere fondi per sviluppare la propria impresa. Requisiti richiesti: essere under 35 o donne over 18

Avete intenzione di avviare un’impresa in Campania? Siete giovani under 35 o donne? Con il bando Startup di Sviluppo Italia avrete la possibilità di ottenere un finanziamento da 25.000 euro a 250.000 euro. La Regione Campania ha, infatti, previsto questo programma con l’intento di promuovere la nascita di nuove imprese sul territorio favorendo quelle composte in prevalenza da giovani e donne.

Le agevolazioni saranno riconosciute mediante un finanziamento a tasso agevolato a copertura del 100% del programma d’investimenti ammissibile. L’erogazione del finanziamento avverrà tramite un bonifico bancario in due tranche, una del 60% alla firma del contratto di finanziamento e la seconda del 40% entro 6 mesi dalla data di erogazione della prima tranche. Sono richieste garanzie personali: il finanziamento non prevede quindi importi a fondo perduto.

Possono accedere al finanziamento le piccole e medie imprese nuove ed esistenti, da costituirsi o costituite sotto forma di ditta individuale, società di persone, di capitale e società cooperative, a condizione che la sede operativa sia in Campania. Le imprese devono essere composte a maggioranza da giovani under 35 o da donne di età superiore ai 18 anni. Tali requisiti devono sussistere al momento della presentazione della domanda. In bando precisa che sono nuove imprese quelle che dovranno costituirsi entro 30 giorni dalla data di comunicazione di esito favorevole della domanda. Sono, invece, imprese esistenti quelle costituite da non più di sei mesi antecedenti alla data di pubblicazione dell’avviso di bando. Chi si candida deve inoltre:

a) adottare un regime di contabilità ordinario,

b) possedere una situazione di regolarità contributiva (DURC positivo) e, alla data di sottoscrizione del contratto di finanziamento,

c) avere la piena disponibilità dell’immobile dove viene realizzato l’investimento.

I programmi di investimento ammissibili riguardano l’acquisto di beni materiali nuovi (impianti, macchinari, attrezzature, mobili e arredi, mezzi e attrezzature di trasporto strettamente necessari e funzionali allo svolgimento dell’attività, opere murarie e assimilate), beni immateriali (software commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell’impresa, anche finalizzati al commercio elettronico; siti web; realizzazione di show room virtuali; brevetti, banche dati, know how e licenze d’uso concernenti nuove tecnologie di processo o di prodotto); circolante (nel limite del 20% dell’investimento complessivo): materie prime, semilavorati, prodotti finiti; servizi e consulenze specialistiche (purché prestate da consulenti esterni).

La domande possono essere presentate fino al 30 settembre 2014, a pena di esclusione, solo in formato elettronico, accedendo alla piattaforma informatica S.I.D. (Sistema Informativo Dipartimentale) attraverso i siti internet www.sviluppocampania.it, www.economia.campania.it e www.porfesr.regione.campania.it. L’orario di invio delle domande determina l’ordine per la successiva valutazione delle stesse da parte di Sviluppo Campania S.p.A.. La domanda compilata e trasmessa poi deve essere stampata data e firmata, ed inviata, a pena di decadenza, entro 7 giorni lavorativi successivi tramite raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo di Sviluppo Campana S.p.A..

Se avete i requisiti per accedere al bando, non perdete questa opportunità per reperire le risorse necessarie all’avvio e allo sviluppo della vostra attività.

Marco De Paolis

India Jackson, la ragazza che grazie al crowdfunding andrà alla Nasa a studiare i pianeti

La 32 enne laureata in Fisica (e madre single), vince uno stage alla Nasa, ma non avrebbe potuto sostenere le spese di viaggio e soggiorno. Grazie al popolo del web potrà realizzare il suo sogno: studiare la luminescenza dei pianeti

Goin, l’app dedicata ai millennials per gestire le spese e risparmiare soldi

Facilitare l’accumulo di denaro con funzioni ad hoc e opportunità di investire le cifre messe da parte sono i punti forti dell’applicazione che in Spagna è diventata presto popolare tra i giovani

Penso Parlo Posto, il libro che allena a una comunicazione non ostile

Il nuovo libro di Federico Taddia e Carlotta Cubeddu raccontato dagli autori. “Le parole sono tutto: le parole definiscono chi siamo, le parole ci raccontano agli altri, con le parole possiamo arrivare al centro di noi stessi, con le parole impariamo a pensare. Ma non siamo più abituati a usarle”

Formaggi vegani: dal tofu al fermentino di Daniela Cicioni

Per legge non possono essere chiamati formaggi se non hanno del latte di origine animale, ma quelli vegani sono ormai prodotti così raffinati da poter competere ad armi pari, muffe comprese. Ci spiega perché Daniela Cicioni

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.