Le 7 migliori idee sull'energia rinnovabile: il bando Green Energy

Tempo fino al 31 agosto per mandare la propria candidatura ad Aster ed essere selezionati. Il programma permetterà di migliorare la propria idea e realizzarla

ASTER ha aperto il bando Green Energy Startup, promosso dal progetto Energeia e finanziato dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale attraverso il Programma di cooperazione transnazionale MED, per sostenere l’imprenditoria nel settore delle energie rinnovabili.

Il bando è aperto alle persone e/o gruppi di persone, residenti o domiciliate in Emilia-Romagna. In caso di gruppi di persone, la maggioranza dei componenti deve avere residenza e/o domicilio in Emilia-Romagna. Possono partecipare anche le imprese a condizione che siano state costituite dopo l’1 gennaio 2014 e abbiano la sede legale e/o quella operativa in Emilia-Romagna.

Per candidarsi è necessario compilare il modulo e fornire gli allegati previsti, disponibili sui siti (www.aster.it e www.emiliaromagnastartup.it.). Tutta la documentazione dovrà essere inviata, a pena di esclusione, entro il 31 agosto 2014, in una delle 3 modalità previste:

1) consegna a mano, in busta chiusa con riferimento al bando “GREEN ENERGY STARTUP”;

2) a mezzo raccomandata postale, con avviso di ricevimento, all’indirizzo ASTER S. 
Cons. p.a., Via Piero Gobetti 101, 40129 Bologna;

3) a mezzo posta elettronica certificata ([email protected]) indicando nell’oggetto “NOME 
BANDO”. In quest’ultimo caso la domanda deve essere sottoscritta con firma digitale 
ovvero 
inviata con la scansione degli originali analogici firmati in ciascun foglio. 
In caso di consegna secondo le prime due modalità, il modulo di candidatura e i curriculum dei componenti del gruppo dovranno essere inviati anche via email a [email protected]

Delle domande pervenute ne saranno selezionate un massimo di sette. La valutazione si comporrà di due fasi. La prima consisterà nella valutazione di merito della documentazione presentata, con assegnazione di un punteggio da 1 a 10, sulla base dell’innovatività dell’idea (soglia minima 5), della fattibilità tecnica (soglia minima 5), delle competenze, della composizione e delle esperienze del team nel settore delle energie rinnovabili 
(soglia minima 6), della potenzialità di mercato (soglia minima 6), della motivazione alla partecipazione al presente percorso (soglia minima 6), della conoscenza della lingua inglese da parte dei componenti del gruppo (soglia minima 6), dell’accuratezza, qualità e chiarezza della domanda (soglia minima 6). La seconda si sostanzierà, invece, in un colloquio con il referente operativo del progetto e sarà riservata alle candidature, la cui documentazione abbia superato tutte le soglie minime previste nella prima fase di valutazione. 
Al colloquio sarà assegnato un punteggio da 1 a 10, che si sommerà a quello ottenuto sulla base della documentazione presentata. 
Al termine della valutazione complessiva sarà redatta una graduatoria in ordine decrescente di punteggio conseguito.

I soggetti ammessi avranno la possibilità di usufruire di attività di formazione e consulenza specialistica per acquisire o ampliare le competenze per la redazione di un business plan, di un business model e per la pianificazione economico-finanziaria dell’attività d’impresa. Potranno, altresì, avvalersi di esperti, con cui verificare la fattibilità tecnica dell’idea di impresa presentata.

Non mancheranno, inoltre, attività di networking, di supporto per la tutela della proprietà intellettuale, di orientamento su come finanziarsi e interagire con successo con i potenziali investitori.

Innovatori dell’Emilia-Romagna, attivi nel settore delle energie rinnovabili, non perdete, quindi, l’occasione rappresentata da questo bando, che vi potrà garantire le competenze e le conoscenze utili a migliorare il vostro progetto e a renderlo attrattivo per i vostri futuri investitori.

Marco De Paolis

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana