Perché siamo in Italia Startup (e la via maestra per cambiare le cose)

Non servono tante parole, per fortuna. Non servono tante parole per spiegare perché qualche giorno fa, con StartupItalia!, ho aderito ad Italia Startup, l’associazione creata un paio di anni fa da Riccardo Donadon e altri amici. Anzi, più delle parole, forse serve un aneddoto che risale al 2008. Wired Italia stava per arrivare in edicola… Read more »

Non servono tante parole, per fortuna. Non servono tante parole per spiegare perché qualche giorno fa, con StartupItalia!, ho aderito ad Italia Startup, l’associazione creata un paio di anni fa da Riccardo Donadon e altri amici. Anzi, più delle parole, forse serve un aneddoto che risale al 2008.

Wired Italia stava per arrivare in edicola e ricordo che ebbi in proposito una conversazione molto franca con Luca De Biase. Luca è molto più di un giornalista che si occupa di innovazione: è stato e resta un punto di riferimento prezioso e un “connettore di punti”. Ricordo che nell’ambiente si diceva che l’arrivo di Wired avrebbe cannibalizzato Nova, il bel settimanale del Sole 24 ore che Luca dirigeva e ha ripreso a dirigere da qualche tempo. Molti vedevano l’inizio di una rivalità. Era una cosa senza senso. Ed anzi, soltanto dirlo, avrebbe creato dei danni, atteggiamenti inutilmente difensivi, ponti levatoii che si chiudevano lasciando soltanto muri. Bene, a Luca lo dissi subito come la vedevo. Gli dissi, Luca come sai giochiamo per la stessa squadra e con lo stesso obiettivo. Solo che in ruoli diversi. Ma vinceremo solo se la cultura dell’innovazione uscirà dalla nicchia dove si trova e questo accadrà solo se sapremo fare squadra.

Nella mia vita recente questo atteggiamento si è tradotto nella associazione Wikitalia, nella fondazione Make in Italy, nel blog collettivo Chefuturo! e in tanti altri progetti. Per questo, quando Italia Startup ha finalmente annunciato di voler aprire le porte a tutti, con StartupItalia!, abbiamo aderito: per fare squadra, per collaborare, per far crescere l’ecosistema. Per far sì che i pochi che ancora si ostinano a vedere la vita come una serie di giardinetti difesi da muri impenetrabili, magari costruiti mentre stanno parlando di open source o sharing economy in qualche dotto convegno, capiscano che la strada è un’altra. Non siamo davanti ad un bivio. In certi casi serve una inversione ad U. La strada giusta, quella per cambiare davvero l’Italia, non è una strada breve né facile. O si resta così o si prova a percorrerla tutti assieme.

Ti potrebbero interessare anche:

Ecco i nuovi 13 membri del Consiglio Direttivo di Italia Startup

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili