700mq di coworking a Napoli: ecco Re.work

Il 10 Ottobre sarà inaugurato a Napoli Re.work, un coworking web oriented ricco di aspettative e di valori condivisi che cominciano a partire proprio dall’Open Day

E’ l’attenzione per il modello reticolare peer to peer ad aver trasformato uno spazio ottagonale di 700 m² in Re.work, il coworking web oriented a Napoli. Per l’inaugurazione, in programma il 10 ottobre 2014 dalle 10.00 alle 22.00, presso il Centro Direzionale di Napoli Is. E2, si terrà un Open Day: una giornata informativa e di orientamento, in cui visitare Re.work, conoscerne i servizi, le modalità d’iscrizione, gli abbonamenti e seguire le conferenze dei relatori.

rework

“Il coworking non è solo un ufficio, ma una fucina di idee. I relatori che abbiamo invitato, rispecchiano lo spirito di spazi come questo.” – spiega Titta Paparozzi, co-fondatrice e communication strategist di Re.work. “Si tratta di professionisti specializzati e punti di riferimento nell’ambito della cultura digitale, che, ci auguriamo, ci seguiranno durante tutto il nostro percorso.”

Tra gli altri, interverranno l’artista e professore di storytelling digitale Franz Cerami, l’autore di “Coworking Progress” Riccardo Valentino e il cantautore, avvocato nonché autore di pubblicazioni di riflessione digitale Mimì de Maio, che racconterà quanto oggi più di ieri è necessaria un’integrazione tra poli “apparentemente” distanti, come la legge e l’innovazione digitale. Gli interventi di Derrick de Kerckhove e Alex Giordano invece saranno affidati completamente al digitale. Un modo per salutare l’apertura di Re.work, nonostante l’impegno all’Internet Festival di Pisa.

I fondatori di Re.work – giovani professionisti e appassionati del web – tengono a precisare che il coworking non è un’idea nuova. “Il primo spazio di coworking nasce a San Francisco nel 2006, da un’idea di Brad Neuberg” – sostengono Corrado Sorge e Alex Genovese, già cofondatori di Hubstrat – agenzia specializzata in strategie digitali e progettazione web – e adesso co-fondatori di Re.work.

“Abbiamo osservato a lungo il fenomeno del coworking, l’espansione dal punto di vista socio-economico e il trend di crescita decisamente positivo in Italia e nel mondo.  La necessità di un cambio di prospettiva e nel metodo nell’approccio al lavoro è sotto gli occhi di tutti. Costi proibitivi, strutture aziendali piramidali e aumento esponenziale del numero di free-lance. Anziché proporre un’idea nuova, vogliamo espandere la rete, essere un nodo nevralgico e connettere Napoli al mondo”.

Visitando lo spazio, sembra che tutto questo sia possibile.

Lo stile contemporaneo e curato mette a proprio agio il visitatore. L’aspetto è professionale e informale allo stesso tempo, viene voglia di sedersi e sorseggiare un caffè con il laptop acceso.

“Vogliamo che le persone che lavorano qui si sentano felici” – sostiene Alfredo Guerri – co-fondatore di Re.work e giovane imprenditore napoletano nel settore dell’arredamento per uffici. “Gli spazi sono stati pensati per raggiungere quest’obiettivo. Le aree destinate al lavoro (Coworker zone e Mover zone) si alternano ad aree in cui si può avere un comportamento più informale e rilassato (Matching zone, Relax zone, Quiet corner).

In questo modo i professionisti che prendono dieci minuti di pausa, staccano davvero la spina”.

Proprio questa è una delle caratteristiche più interessanti dei coworking: destinare degli spazi alla socializzazione, per favorire lo scambio d’idee tra professionisti e, in sostanza, creare nuove opportunità di lavoro e collaborazione.

“Non dimentichiamo che Napoli è una città che ha una grande dimensione creativa” – continua Titta Paparozzi. “La connessione e la creatività sono valori che vanno sostenuti e incentivati, soprattutto in un periodo difficile come questo. L’aumento dell’indipendenza lavorativa è una reazione alla crisi, ma gli spazi destinati ai free-lance sono ancora pochi. Essere free-lance non vuol dire restare isolati, al contrario le relazioni sono fondamentali.

Un altro aspetto a cui Re.work dà valore è la comunicazione con le istituzioni: il Comune, la Regione, le Università. Vorremo ridurre la percezione di divario e favorire il dialogo”.

Per Re.work il completamento di un profilo professionale sul mercato in termini di immagine, credibilità e affidabilità passa anche per un’infrastruttura tecnologica all’avanguardia: Virtual Desktop Infrastructure e centrali telefoniche Voip, sono alcuni dei servizi a supporto dei suoi professionisti.

Non solo.

“La formazione ha un ruolo centrale. Il web non è un mondo che si distacca dalla realtà, ma la sostiene e risponde alle necessità dei nuovi mercati in continua evoluzione” conclude Corrado Sorge. “Seminari formativi, incontri con specialisti e workshop, contribuiranno a rendere l’ambiente più stimolante e a favorire ulteriormente la connessione con il mondo esterno”.

Il 10 Ottobre inaugura quindi un nuovo progetto ricco di aspettative e di valori condivisi che cominciano a partire dall’Open Day.

Questo il link all’evento per i dettagli e per ricevere l’invito:

https://www.facebook.com/events/510938595675361/?source=1

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.