9 strategie per trovare lavoro grazie al metodo Canvas

Secondo Tim Clark, docente e scrittore americano, il lavoro tradizionale non esiste più. La domanda è “essere eterni precari o imprenditori?”

Dobbiamo rassegnarci, siamo nell’epoca della Fine del Lavoro, per i prossimi 40/50 anni non possiamo più sperare in un percorso lavorativo tradizionale”, con schiettezza Tim Clark, docente americano e autore di libri su imprenditorialità, modelli di business e sviluppo personale, racconta agli studenti del Politecnico di Milano che cosa aspettarsi un volta usciti dall’università. “A partire da oggi ci sono due strade percorribili: si può scegliere di essere eterni precari, accettando lavori a termine o part-time, oppure si può affinare il proprio modello di business e diventare imprenditori di se stessi, startupper”.

trova lavoro

In occasione del workshop Design Your Carreer, organizzato dal Politecnico di Milano, Tim Clark ha presentato l’edizione italiana di Business Model You, il bestseller internazionale che introduce il personal business model Canvas, un metodo che ha già aiutato molte persone a cambiare modo di approcciarsi alla carriera lavorativa. Il testo in pochissimo tempo è diventato un cult, è stato tradotto in 16 lingue e ha creato intorno a sé una community di oltre 10mila persone. L’edizione italiana è stata pubblicata da Hoepli e curata da Luigi Centenaro, massimo esperto italiano di personal branding e docente al Master SNID, con la revisione tecnica di Beople SRL, società leader nel Business Design in Italia.

Tim Clark, dopo aver studiato il modello Canvas, già utilizzato da molte aziende per stabilire quali strategie di business adottare con specifici clienti, si è accorto che il metodo a 9 blocchi può essere applicato anche alla vita di tutti i giorni e alla carriera delle persone. Così è nato Business model you, il libro che consente a chiunque di capire se il lavoro che si sta svolgendo è quello che più si avvicina alle proprie aspirazioni, dove può creare più volare aggiunto e avere maggiori soddisfazioni.

Quando le persone pensano alla propria carriera non riescono a concentrarsi sui punti essenziali – sostiene Tim Clark – i pensieri si accumulano vorticosamente e non si riesce a capire quali sono i fattori più critici. Grazie al modello Canvas è possibile mettere in ordine i pensieri, inserirli in un contenitore, organizzarli. Immediatamente tutto appare più chiaro e la propria vita lavorativa assume un’altra prospettiva. E’ un metodo semplice e perfetto per inquadrare il problema e cominciare a cambiare strategia”. Sì perché il problema di molti è quello di rimanere inchiodati in una vita lavorativa non soddisfacente: “Oltre il 70% dei lavoratori, e stiamo parlando anche di manager, non è contento dell’attività che svolge e vorrebbe cambiare vita. Durante le ricerche che ho fatto per il libro Business Model You, mi sono reso conto che mancavano del tutto strumenti pratici che potessero aiutare le persone a riconsiderare la propria condizione lavorativa, riavvicinandola alle proprie aspirazioni personali e professionali. Per questo ho pensato a un metodo basato sui Canvas. È stato sorprendente capire che il modello per il business poteva essere applicato anche alle persone”.

Compilando le nove caselle sul Canvas si riesce a individuare in modo visuale che cosa è necessario cambiare per migliorare la propria vita lavorativa. “Il modello si basa sul valore che ognuno di noi può generare, per il datore di lavoro e per sé. Nella sua semplicità, il Canvas permette di identificare, disegnare e analizzare qualsiasi idea di business in ogni suo aspetto: identificare i clienti, definire l’offerta, decidere canali e relazioni, scegliere i processi interni che dobbiamo gestire per costruire la nostra idea e gestire costi e ricavi”. Il metodo può essere utilizzato per capire se si è sulla strada giusta, ma soprattutto può aiutare molte startup a capire se un’idea imprenditoriale può trovare una risposta positiva sul mercato.

Le finaliste di .itCup 2016: Userbot, creare Bot (intelligenti) per il Customer Support

UserBot è una soluzione che usa l’intelligenza artificiale per interagire automaticamente con i clienti sui canali digitali, creando un Bot in grado di capire il linguaggio naturale e permettendo, quindi, di diminuire i tempi e i costi relativi al Customer Support.

E’ qui la scuola del futuro

Dal Piano Nazionale Scuola Digitale, che tra poco compirà un anno, alle tecnologie per l’e-learning, la programmazione e i giovani maker. Di cosa parliamo quando parliamo di scuola digitale, il futuro dell’apprendimento

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»