I 10 errori tipici dello startupper (e come evitarli)

Ecco la terza lezione di “How to Start a Startup”, il corso Paul Graham, co-founder di Y-Combinator: si parla di errori comuni tra gli startupper

La terza lezione del corso “How to Start a Startup” dell’Università di Stanford è stata tenuta da Paul Graham, co-founder di Y-Combinator, tra le tante cose.

La lezione dal titolo “Before the Startup” è disponibile, con i sottotitoli in inglese, qui.

Se non avete tempo di guardare il video o avete difficoltà con l’inglese vi ricordo che è disponibile in rete la trascrizione del talk.

Letture di approfondimento

Come sempre, vi consiglio di dare un’occhiata alle letture consigliate prima di guardare la lezione. Questa volta, in realtà, sono stati consigliati un post e un video:

Il primo link è un post dello stesso Graham, scritto ormai un po’ di anni fa, dove vengono dati alcuni suggerimenti su come “farsi venire idee per startup”. Il titolo potrebbe sembrare un po’ una forzatura ma durante la lezione il concetto viene chiarito ampiamente.

Il secondo link è una videointervista fatta a Steve Jobs nel 1995 dove gli vengono fatte alcune domande sul boom delle startup che si stava verificando durante quel periodo.

Gli errori comuni degli startupper

La lezione inizia con un’affermazione molto forte di Graham (non sarà l’unica) riguardo alle startup:

questa è un’area dove non puoi fidarti sempre del tuo istinto

Graham racconta che, nonostante la presenza di advisor di altissimo livello a Y-Combinator e il continuo tentativo di “avvertire” i founder, la maggior parte delle startup che passano per il loro incubatore continua a commettere gli stessi errori.

Nel video vengono elencati alcuni degli errori più comuni, portando esempi di startup (a volte anche molto famose, come Facebook) e cercando di spiegare perché sono così frequenti. Ovviamente Graham da anche una serie di suggerimenti su come evitare di commetterli.

Proprio su quest’ultimo punto, è interessante la riflessione che viene fatta sul ruolo dell’Università in questo momento storico. La nascita dei primi “corsi per aspiranti startupper”, come quello oggetto di questo post, sono la prova che forse c’è la necessità di parlare di questi argomenti nelle aule universitarie. La necessità di iniziare a formare gli startupper di domani.

Il video si conclude con una lunga sessione di Q&A (la prima, mi sembra di ricordare) dove ci sono una serie di risposte interessanti di Graham a domande provocatorie come: “siamo in una bolla startup?”, “sono proprio necessari gli incubatori?”, e così via.

Cosa vogliono gli investitori

Qualche giorno fa, all’Università di Salerno, durante l’evento “What Investors Want”, ho tenuto un talk dove ho elencato alcuni degli errori comuni che commettono le startup. Le slide dell’intervento sono disponibili su slideshare.

Avvio di una #startup: 10 errori comuni from Raffaele Gaito

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»