Startup Weekend Torino, 3 startup nuove di zecca

Ottime notizie dallo Startup Weekend di Torino. Dopo 54 ore di programmazione, almeno tre nuove idee sono in rampa di lancio per diventare imprese (ma qui trovate l’elenco delle prime 13 con i relativi team). “The new rocknroll is create startup”

torino 600x400

L’edizione torinese dello Startup Weekend, che si è svolto dal 22 al 24 marzo all’I3P di Torino, si è concluso e ha raccolto 120 persone che hanno collaborato in 13 team, creati da altrettante idee che sono state scelte tra le 42 presentate al primo giorno. I coach hanno sostenuto le idee presentate facendo riflettere ogni startup sulle aree chiave per un’attività di business. Una giuria, composta tra gli altri anche da Mario Fontana del programma BizSpark, Simona Bielli di Mind the Bridge e Davide Dattoli di Talent Garden, ha votato le idee che hanno saputo creare nelle 54 ore disponibili i modelli di business e le demo dei servizi più stabili e sostenibili.

Ecco le 13 idee da ricordare:

  1. Materest: Simone Borgnese (@pinzer) e il suo team di otto persone hanno cercato il modo per “non sbagliare più coinquilino”. Hanno già previsto il lancio del servizio dopo Startup Weekend ma devono solo valutare il momento migliore. Intanto sono arrivati primi
  2. Shaspace: Claudio Bedino (@claudiobedino4) ha esplorato un modello che permettesse alle persone di “scoprire gli spazi nelle vicinanze che offrono i servizi di cui hanno bisogno”. Nonostante nei due giorni non se ne sia mai parlato l’idea è quella di portare avanti un progetto che presenta molte potenzialità
  3. Bubbleness: Matteo Baricco (@matteobaricco) e Andrea Gaiardo (@desingaja) vogliono “migliorare la user experience durante gli eventi attraverso: social business discovery, geolocalizzazione interna e storage”. Si sono guadagnati terzo posto e un viaggio nella Silicon Valley con Mind the Bridge
  4. InvestEed: Francesco Nacchia (@frenklive) ha sviluppato la sua idea per un “crowdfunding equity based” e spiega che la sua idea potrà diventare operativa solo se riuscirà a far incontrare startup e investitori nella sua piattaforma
  5. Parchegg.io: Alessio Maffeis (@imaffo) trova una soluzione smart per il parcheggio e dice che “tutto il tempo che non passi a cercarlo è tempo vissuto”. Prima di partire vorrebbero valutare il feedback dei potenziali clienti
  6. Analyzee.com: Romolo Ganzerli (@seroban) e Simone Bruri (@simone2990) propongono l’analisi della situazione economica della propria impresa in un click. Cercano un modo per fare impresa consapevolmente. Non hanno certezze su come portare avanti il progetto dopo la due giorni, ma sembrano molto determinati a non abbandonarlo
  7. TraveLinking: Valentina Morigi permette ai business traveler di incontrarsi e di connettersi per ottimizzare il tempo di viaggio aumentando le possibilità di business, create dall’incontro. Nei prossimi 6 mesi vede lei e il suo team “poveri ma fondati”
  8. Social Ambassador: Gianluca Finazzi(@GianlucaFinazzi) è lo startupper che più ha movimentato questo weekend torinese. Dal suo primo pitch di un minuto ritiene di avere un business model fortissimo e lo tramuta in una “piattaforma che permette di diventare ambasciatore del proprio brand preferito ricevendo dei premi in cambio”. Sicuramente continueranno la strada già iniziata
  9. Rigirotondo: Antonio di Bacco (@AntonioDiBacco) inventa un modo per riutilizzare i vestiti dei bambini. Con le sue parole “vestiti quasi nuovi per il tuo bambino”. Stanno ancora valutando le prospettive per il futuro
  10. Squezy: Marco Santonocito (@mark_design) ha voluto creare una risposta ad una sua esigenza avuta in passato: “la mia è una piattaforma web e mobile che fornisce simulazioni personalizzate per ogni tipo di test in base alle proprie lacune”. Vuole sicuramente portare avanti il suo progetto anche dopo il weekend
  11. OpenShelf: Lorenzo Sciandra (@kelset) vuole creare una piattaforma geolocalizzata per la condivisione di ciò che tieni sui ripiani a prendere polvere (libri, fumetti, videogame). E’ al suo primo tentativo ad un’esperienza come startup weekend e si ritiene soddisfatto anche solo di aver superato la prima fase
  12. Micro4U: Movva Raghu offers a low-cost mobile and based medical diagnostic software system. He looks for incubators in Switzerland because the medical market more is prosperous than the Italian one
  13. Welco: Francesco Medda (@framd) inventa un’alternativa al citofono, ovvero porta il citofono su qualsiasi device per poterlo usare ovunque e anche quando non si è fisicamente presenti in casa

Che cos’è il PropTech e perchè cambierà il settore immobiliare

Tra il 2011 e il 2017, le società di venture capital hanno investito 9 miliardi di dollari in società PropTech. Queste nuove società, insieme alle istituzioni finanziarie all’avanguardia, apporteranno un cambiamento positivo nell’esperienza del cliente nel settore immobiliare.

Huawei P30 Pro, la nostra anteprima da Parigi

Presentata la nuova ammiraglia dell’azienda cinese. Con una fotocamera innovativa, capace di scattare foto anche nel buio assoluto. E una lente a periscopio per un super-zoom

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.