1 startup su 10 in Italia si occupa di biomedicale

I dati di Assobiomedica fotografano la crescita delle startup che si occupano di biomedicacale. Rimondi: «Uniche realtà che fanno innovazione in un settore in crisi»

Sono 255 le startup del settore dei dispositivi medici che operano in Italia su oltre 3mila imprese. È quanto emerge dal Rapporto 2014 di Assobiomedica su produzione, ricerca e innovazione nel settore dei dispositivi medici in Italia, presentato oggi a Roma. Dei nuovi soggetti economici, il 27% si occupa di diagnostica in vitro, mentre il 21% di biomedicale strumentale; il 55% è poi frutto di spin offuniversitari, ovvero della ricerca pubblica.

IL BIOMEDICALE

Nel periodo compreso tra il 2010 e il 2013, inoltre, due imprese su tre del settore hanno introdotto almeno una innovazione e una impresa su due ha depositato o acquisito brevetti. Una dinamica che pone l’Italia al 12esimo posto per brevetti nel ranking internazionale del settore con 70mila domande di brevetto.

“I nostri ospedali – ammonisce il Presidente di Assobiomedica Stefano Rimondi – si stanno impoverendo per i continui tagli e la conseguente riduzione della qualità dei servizi. Valutare solo il prezzo più basso nell’acquisto di dispositivi medici ha portato nel 2013 a un calo della domanda di circa il 4% sia dal pubblico (-3%) che dal privato (-5,8%) e del 11% negli ultimi quattro anni. Si tratta di un dato sconfortante che dimostra come il Servizio sanitario nazionale stia pian piano rinunciando a investire in moderne tecnologie, quando le imprese del settore sono fortemente orientate all’innovazione”.

La Consob apre alle ICO e definisce le cripto-attività

Qual è l’approccio e l’indirizzo che l’Autorità ha dato alla consultazione pubblica sul tema delle criptovalute? Limiti e prospettive di un regolamento che potrebbe finalmente aprire l’Italia al mercato globale delle ICO

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.