10 libri che ogni startupper deve assolutamente avere sul comodino

Letture consigliate agli startupper (rigorosamente in inglese) per crescere professionalmente e capire come funziona il mondo del business

Premessa
Ci sono tantissimi libri sull’argomento startup. Quelli che ritengo tra i più importanti sono tutti pubblicati originariamente in lingua inglese. In alcuni casi (soprattutto negli ultimi anni) i libri più famosi vengono tradotti in lingua italiana. Non sempre le traduzioni sono all’altezza delle versioni originali anzi, quasi mai. Vi consiglio vivamente di leggere le edizioni originali in inglese ma, quando disponibile, ho indicato in questo elenco anche la relativa traduzione in italiano.

E’ necessario leggere tutti questi libri se si vuole fare startup? Assolutamente no!
Ritengo sia però fortemente consigliato. Ho cercato di far si che la lista fosse più eterogenea possibile per coprire le varie sfaccettature dell’argomento startup, da punti di vista differenti. In base al vostro ruolo in azienda o allo stadio nel quale la vostra idea si trova potreste essere interessati solo ad alcuni di essi.

Art-of-the-Start-Guy-Kawasaki-unabridged-Tantor-Audio-books
1. The Art Of The Start – Guy Kawasaki
Guy Kawasaki, famoso ai più per il suo passato in Apple dove curò il marketing del Macintosh, è considerato uno dei primi evangelist nel mondo dell’hi-tech.
In questo libro illustra, in maniera molto concreta, gli step necessari per chi si decide a trasformare la propria idea in un’impresa. Spesso affrontando i temi da entrambi i suoi punti di vista: imprenditore e venture capital.
Il libro è disponibile anche in italiano con il titolo “L’arte di chi parte bene“.

Kansikuva-Hoffman-The-startup-of-you-e1338713711919
2. The Start-Up of You  – Reid Hoffman
Reid Hoffman è uno dei fondatori di Linkedin, oltre ad essere un Venture Capital con quote in Facebook, Zynga, Last.fm, Digg, Flickr, ecc.
In questo libro Hoffman spiega l’importanza dei rapporti personali nel mercato del lavoro moderno. In particolare viene presentata l’idea di gestire se stessi, la propria carriera e il proprio network di relazioni come un’impresa
Il libro è disponibile anche in italiano con il titolo “Teniamoci in contatto“.

EricRies-TheLeanStartup

3. The Lean Startup – Eric Ries
Eric Ries è un noto imprenditore della Silicon Valley, fondatore di IMVU, un mondo virtuale in 3D. E’, inoltre, uno dei pionieri del movimento Lean Startup.
Il suo libro, probabilmente tra i più famosi in questo ambiente, approfondisce il concetto di sviluppo lean di un business o di un prodotto. L’argomento è molto vasto ma si basa sull’idea di rilascio iterativo e sul ciclo “crea-misura-apprendi”. Il libro è disponibile anche in italiano con il titolo “Partire leggeri“.

business-model-generation
4. Business Model Generation – Alexander Osterwalder
Alexander Osterwalder è un imprenditore e autore best seller, ideatore del business model canvas, un template/tool per identificare e strutturare i “blocchi” presenti in un business model.
Il canvas, introdotto in un suo precedente libro, viene qui illustrato ed approfondito, blocco per blocco portando esempi concreti di utilizzo da parte di imprenditori che lo hanno adottato. Anche in questo caso parliamo di un best seller tradotto in più di 30 lingue. Il libro è disponibile anche in italiano con il titolo “Creare Modelli di Business“.

51L7EwwlkbL._SX258_BO1,204,203,200_
5. The Startup Owner’s Manual – Steve Blank
Steve Blank è un imprenditore seriale della Silicon Valley fin dal “giorno uno”, con diverse exit alle spalle (fondatore di otto aziende di cui quattro quotate in borsa).
In questo libro è strutturato a mo di guida. Una guida per guidare lo startupper durante tutti gli step che dovrà percorrere. Il tutto accompagnato da checklist varie, grafici, schemi, ecc. Uno dei concetti principali è il processo di Customer Development, approfondito in un altro suo libro.
Il libro è disponibile in italiano con il titolo “Startupper. Guida alla creazione di imprese innovative“.

51WD47TG0YL21
6. The Four Steps to the Epiphany – Steve Blank
Questo è il libro di Blank di cui vi accennavo sopra. Il concetto di Customer Development Process (ovvero, imparare a conoscere i propri clienti e il proprio mercato) è qui fondamentale e viene illustrato attraverso quattro step. Passi che, a detta dell’autore, fanno la differenza tra una startup di successo e una fallimentare.

41c5uebIr-L._SL300_
7. The Rainforest: The Secret to Building the Next Silicon Valley – Victor Hwang, Greg Horowitt
Gli autori, entrambi Venture Capital, cercano di spiegare il “modello Silicon Valley” attraverso la metafora di una foresta dove le grandi aziende hanno il ruolo di grandi alberi e i soldi degli investitori servono ad irrigare. Il fulcro del libro è l’importanza di ecosistema basato su un modello a grafo attraverso il quale si riescono ad ottenere grandi risultati grazie a rapporti basati su fiducia e diversità.

Hackers-and-Painters
8. Hackers & Painters: Big Ideas from the Computer Age – Paul Graham
Paul Graham è, ta le tante cose, presidente di Y-Combinator (il più importante acceleratore di startup al mondo), programmatore e imprenditore.
Questo libro, troppo poco citato nelle liste che si trovano in rete, tratta l’argomento startup da un punto di vista completamente diverso: quello dei programmatori e degli hacker. Figure paragonate a degli artisti e riconosciute come fondamentali per l’epoca nella quale viviamo e per il successo di una startup.

817tQRguoxL._SL1500_
9. The Hard Thing About Hard Things – Ben Horowitz
Ben Horowitz è co-fondatore di Andreessen Horowitz, a detta di molti uno dei Venture Capital più importanti al mondo (nel suo portfolio Facebook, Twitter, Groupon, Zynga, ecc).
Si tratta di uno dei pochi libri che si sofferma su quanto sia difficile avviare una startup, sottolineando il fatto che è un settore nel quale non esistono verità assolute e nessuno ha le risposte alle tue domande. Il tutto condito dall’esperienza personale, sia come imprenditore che come investitore.

Bamboo_book_-_binding_-_UCR
10. [Bonus] L’arte della guerra – Sun Tzu
Ho sempre pensato che questo libro vada al di là della guerra. I concetti presentati al suo interno sono adattabili a diversi aspetti della vita quotidiana e molti di essi si applicano alla perfezione al mondo imprenditoriale. Si trova in italiano, è molto breve e anche molto economico. Se non l’avete fatto vi consiglio vivamente di leggerlo.

8 Commenti a “10 libri che ogni startupper deve assolutamente avere sul comodino”

  1. Mario Fullone

    Salve a tutti,
    Conoscete per caso qualche sito dove poter acquistare (anche usato) il libro di Kawasaki “L’arte di chi parte bene”? Lo sto cercando in molte librerie e su molti siti, ma non riesco a trovarlo perché ormai è fuori produzione!
    Grazie

    Rispondi
  2. Simone Cimminelli

    Manca di sicuro zero to one. La mia lista é questa: 1. Zero to one 2. The art of start 3. The lean startup 4. Outliers: The story of success 5. Delivering happiness 6. The hard thing about hard things 🙂

    Rispondi
  3. Maximilian Ascari

    The Startup Owner’s Manual: versione kindle inglese 4,99 €, versione kindle italiana 30,99 € (!!!) e nella versione italiana mancano diversi contenuti che l’editore ha pensato bene di dare come bait in cambio dell’email. Motivo in più per leggere in inglese. Ps da editore a Editore: il marketing in the book si fa aggiungendo valore extra al contenuto del libro. Togliere parte del contenuto dal libro originale e poi barattarlo in cambio dell’email sembra una scorciatoia facile, salvo poi rivelarsi una pessima idea (e il modo migliore per beccarsi commenti negativi).
    Grazie Raffaele. L’arte della guerra è veramente una perla.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Perché (e quanto) le banche hanno bisogno del fintech, secondo Borsadelcredito.it

La disintermediazione sta costringendo le banche a reinventare i loro servizi, andare incontro alle aspettative del consumatore e avvicinarsi, in qualche modo, al fintech. Le ragioni e i passi da compiere nel commento di Antonio Lafiosca, Coo di Borsadelcredito.it