Coopstartup lancia in Puglia il primo incubatore per startup cooperative

Si comincia da Lecce, poi altri 4 appuntamenti in Puglia per Coopstartup che lancia un progetto per l’incubazione di startup cooperative

Al via i Laboratori d’impresa per i primi 150 ragazze e ragazzi, provenienti dalle province di Lecce, Brindisi e Taranto. In totale 35 gruppi informali ammessi all’Azione 1 del primo incubatore diffuso d’impresa cooperativa pugliese, ovvero Coopstartup Puglia.

Alle Officine Cantelmo di Lecce, in una sala affollata di giovani con un “sogno d’impresa”, è iniziata la due giorni di formazione intensiva dedicati ai gruppi informali. Coopstartup Puglia è il programma sperimentale di accompagnamento, formazione e consulenza per la creazione d’impresa cooperativa dedicata ai giovani pugliesi. Obiettivo del bando è promuovere crescita sostenibile, di lungo termine e finanziaria, nonché innovazione e nuova occupazione.

Leggi anche: Le Coop sfidano gli Usa: «Così le nostre startup creeranno davvero lavoro»

Alle 9.30 è iniziato il Laboratorio, con una presentazione dei promotori del progetto, ovvero di Legacoop Puglia e Coopfond (il fondo mutualistico della Lega delle Cooperative), e di tutta la della Rete dei partner: la cooperativa Informa, specializzata in servizi di informazione e orientamento, diPazLab, cooperativa leccese di comunicazione, The Qube, associazione che sostiene progetti innovativi, Qiris, acceleratore d’impresa, la coopOfficine Cantelmo e Generazioni Legacoop Puglia, coordinamento dei cooperatori Legacoop under 40.

foto Laboratori Lecce_coopstartupA presentare la giornata la vice presidente Legacoop Puglia, Annamaria Ricci, che ha spiegato, tra le altre cose, cos’è una cooperativa, come nasce, qual è il ruolo dei soci, cosa significa “una testa un voto” e il valore del capitale umano. “Il posizionamento strategico di una cooperativa è legato – ha sottolineato Ricci – al valore che le persone portano all’impresa cooperativa, sono il cosiddetto capitale umano. Ogni socio è anche imprenditore”.

Obiettivo dei Laboratori è sviluppare per tutti i gruppi informali d’impresa percorsi di lavoro che rendano reale e fattibile la propria idea d’impresa. Di qui la due giorni ha una scaletta di lavoro fittissima e serrata. Si passa, difatti, da cos’è una startup cooperativa al “team building”, con la costruzione e implementazione delle competenze dei singoli come anche dell’intero gruppo. Sino allo studio e ideazione del cosiddetto “executive summary”, importante per la candidatura all’Azione 2 del bando. Quest’ultima, difatti, per quanti saranno ammessi, consentirà la costituzione a costo zero della startup cooperativa, con percorsi di accompagnamento personalizzati anche nella fase del post startup per i successivi 36 mesi.La rete Coopstartup Puglia ha programmato altri due Laboratori che si terranno a Valenzano (Ba) il 15 e 16 novembre, e a Trani il 24 e 25 novembre 2014.

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.