RobinGoods, ecco l’app che connette negozianti e passanti

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo. I tre fondatori della startup… Read more »

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo.

I tre fondatori della startup che ha lavorato alla app sono Gianluca Giustiziero, 24 anni, ingegnere gestionale, Primo Modica, 23 anni, ingegnere Informatico e Nicola Stievano, 30 anni, informatico con 5 anni d’esperienza del mondo del lavoro. Il team si è incontrato ad InnovactionLab e ha consolidato la sua idea vincendo lo switch to product del Polihub dove attualmente è incubato.

RobinGoods

COME FUNZIONA ROBINGOODS

Ai negozianti RobinGoods darà la possibilità di raggiungere i passanti in zona inserendo le proprie offerte nel nostro server o inserendo offerte speciali per i soli utilizzatori di RobinGoods.

Per fare questo il negoziante dovrà semplicemente completare un form strutturato in una pagina web, inserendo un titolo, una foto, una descrizione, il tipo di offerta e infine prima di pubblicarla dovrà impostare l’intervallo temporale in cui questa sarà attiva.

La novità di RobinGoods per il negoziante è la completa autonomia della gestione dell’inserimento delle offerte: può inserire quante offerte vuole e come vuole. Vi è totale libertà del commerciante anche nell’ inserimento della durata dell’offerta: da un mese a dieci minuti, in linea con la filosofia del carpe diem, in modo da sfruttare l’impulsività dello shopping e convincere gli indecisi cronici.

Per gli utenti RobinGoods è un’app per smartphone che una volta aperta li geo-localizzerà e gli mostrerà le offerte in zona con la possibilità di settare dei filtri per decidere quali tipologie di prodotti visualizzare e quali no. L’utente nel proprio smartphone vedrà la foto del prodotto, una descrizione, il prezzo , la tipologia dell’offertà e la durata di quest’ultima, non sarà mostrato il nome del negozio e come raggiungerlo per non essere influenzati dai nomi delle grandi catene commerciali (RobinGoods dà la stessa visibilità ai piccoli e ai grandi negozi), ma solo dal prodotto e dell’ offerta.

Solo una volta accettata l’offerta, il prodotto sarà prenotato per un limite di tempo, e l’utente sarà indirizzato tramite un servizio di mappe verso il negozio, nel quale potrà provare l’oggetto e decidere soli lì se effettuare l’acquisto.  Se invece l’utente accetta un’offerta esclusiva per i soli utenti RobinGoods, scaricherà il coupon direttamente sul proprio dispositivo e dovrà mostrarlo al negoziante affiliato per ricevere lo sconto promesso; anche qui l’utente sarà guidato con un servizio di mappe ed avrà un tempo limitato per effettuare l’acquisto.

La vera innovazione di RobinGoods è che ridà valore allo shopping reale, portando sul cellulare di tutti un’informazione, garantita dallo shopping online, nello shopping di tutti i giorni. Il servizio non è da confondere con un e-commerce, ma è da considerare come un compagno di compere che consiglia dove sono i prodotti più esclusivi e le offerte più vantaggiose nel momento in cui si è veramente interessati ad avere queste informazione: mentre si fa shopping. L’utente non effettuerà mai nessun pagamento sull’applicazione, ma effettuerà l’acquisto direttamente nel negozio solo dopo aver provato l’oggetto ed essere veramente intenzionato a comprarlo.

Davide Casaleggio: “Per il VC in Italia ripartiamo dalle Fondazioni bancarie e dall’Open Innovation” | Intervista

Disponibile sul sito della Casaleggio Associati il nuovo report sul Venture Capital in Italia. In aumento numero e valore degli investimenti, eppure l’Italia è ancora molto indietro rispetto agli altri Paesi europei. I fondi di Venture Capital non hanno capitali sufficienti e così le startup sono costrette a trasferirsi all’estero

Coinbase Commerce, ora farsi pagare in criptovalute è più semplice

Una delle principali piattaforme per comprare e vendere denaro digitale lancia un plugin per chi fa ecommerce: non un hosting ma un metodo di pagamento per accettare senza pensieri Bitcoin, Ether, Bitcoin Cash e Litecoin