RobinGoods, ecco l’app che connette negozianti e passanti

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo. I tre fondatori della startup… Read more »

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo.

I tre fondatori della startup che ha lavorato alla app sono Gianluca Giustiziero, 24 anni, ingegnere gestionale, Primo Modica, 23 anni, ingegnere Informatico e Nicola Stievano, 30 anni, informatico con 5 anni d’esperienza del mondo del lavoro. Il team si è incontrato ad InnovactionLab e ha consolidato la sua idea vincendo lo switch to product del Polihub dove attualmente è incubato.

RobinGoods

COME FUNZIONA ROBINGOODS

Ai negozianti RobinGoods darà la possibilità di raggiungere i passanti in zona inserendo le proprie offerte nel nostro server o inserendo offerte speciali per i soli utilizzatori di RobinGoods.

Per fare questo il negoziante dovrà semplicemente completare un form strutturato in una pagina web, inserendo un titolo, una foto, una descrizione, il tipo di offerta e infine prima di pubblicarla dovrà impostare l’intervallo temporale in cui questa sarà attiva.

La novità di RobinGoods per il negoziante è la completa autonomia della gestione dell’inserimento delle offerte: può inserire quante offerte vuole e come vuole. Vi è totale libertà del commerciante anche nell’ inserimento della durata dell’offerta: da un mese a dieci minuti, in linea con la filosofia del carpe diem, in modo da sfruttare l’impulsività dello shopping e convincere gli indecisi cronici.

Per gli utenti RobinGoods è un’app per smartphone che una volta aperta li geo-localizzerà e gli mostrerà le offerte in zona con la possibilità di settare dei filtri per decidere quali tipologie di prodotti visualizzare e quali no. L’utente nel proprio smartphone vedrà la foto del prodotto, una descrizione, il prezzo , la tipologia dell’offertà e la durata di quest’ultima, non sarà mostrato il nome del negozio e come raggiungerlo per non essere influenzati dai nomi delle grandi catene commerciali (RobinGoods dà la stessa visibilità ai piccoli e ai grandi negozi), ma solo dal prodotto e dell’ offerta.

Solo una volta accettata l’offerta, il prodotto sarà prenotato per un limite di tempo, e l’utente sarà indirizzato tramite un servizio di mappe verso il negozio, nel quale potrà provare l’oggetto e decidere soli lì se effettuare l’acquisto.  Se invece l’utente accetta un’offerta esclusiva per i soli utenti RobinGoods, scaricherà il coupon direttamente sul proprio dispositivo e dovrà mostrarlo al negoziante affiliato per ricevere lo sconto promesso; anche qui l’utente sarà guidato con un servizio di mappe ed avrà un tempo limitato per effettuare l’acquisto.

La vera innovazione di RobinGoods è che ridà valore allo shopping reale, portando sul cellulare di tutti un’informazione, garantita dallo shopping online, nello shopping di tutti i giorni. Il servizio non è da confondere con un e-commerce, ma è da considerare come un compagno di compere che consiglia dove sono i prodotti più esclusivi e le offerte più vantaggiose nel momento in cui si è veramente interessati ad avere queste informazione: mentre si fa shopping. L’utente non effettuerà mai nessun pagamento sull’applicazione, ma effettuerà l’acquisto direttamente nel negozio solo dopo aver provato l’oggetto ed essere veramente intenzionato a comprarlo.

Aumento di capitale di 9 milioni per BeMyEye. FII Tech Growth ne mette più di 6

Si tratta del primo investimento del nuovo fondo FII Tech Growth. L’operazione prevede un investimento di 6,3 milioni di Euro, a fronte della sottoscrizione di una quota di minoranza, nell’ambito di un aumento di capitale per complessivi 9 milioni

Seedcamp lancia un nuovo fondo d’investimenti per startup da 46 milioni

Per festeggiare il decimo anniversario ecco un nuovo progetto che raccoglie 60 soggetti pronti a puntare sulle imprese innovative. Il nostro Paese si affida al fondo Italia Ventures I che ha da poco ricevuto 20 milioni di euro dalla BEI

Xtribe, la startup dell’ecommerce social e geolocalizzato

Le nuove tecnologie a vantaggio della piccola e media impresa. Si possono vendere, comprare, noleggiare e barattare prodotti e servizi con chi è realmente vicino e può anche essere incontrato di persona

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori