RobinGoods, ecco l’app che connette negozianti e passanti

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo. I tre fondatori della startup… Read more »

RobinGoods un’applicazione che vuole offrire un canale di marketing alternativo ai negozianti, dandogli la possibilità di comunicare istantaneamente con i passanti. RobinGoods è un app che permetterà ai negozianti, di allungare virtualmente la visibilità della propria vetrina, riuscendo finalmente a farsi notare dai passanti interessati alle offerte ma con poco tempo.

I tre fondatori della startup che ha lavorato alla app sono Gianluca Giustiziero, 24 anni, ingegnere gestionale, Primo Modica, 23 anni, ingegnere Informatico e Nicola Stievano, 30 anni, informatico con 5 anni d’esperienza del mondo del lavoro. Il team si è incontrato ad InnovactionLab e ha consolidato la sua idea vincendo lo switch to product del Polihub dove attualmente è incubato.

RobinGoods

COME FUNZIONA ROBINGOODS

Ai negozianti RobinGoods darà la possibilità di raggiungere i passanti in zona inserendo le proprie offerte nel nostro server o inserendo offerte speciali per i soli utilizzatori di RobinGoods.

Per fare questo il negoziante dovrà semplicemente completare un form strutturato in una pagina web, inserendo un titolo, una foto, una descrizione, il tipo di offerta e infine prima di pubblicarla dovrà impostare l’intervallo temporale in cui questa sarà attiva.

La novità di RobinGoods per il negoziante è la completa autonomia della gestione dell’inserimento delle offerte: può inserire quante offerte vuole e come vuole. Vi è totale libertà del commerciante anche nell’ inserimento della durata dell’offerta: da un mese a dieci minuti, in linea con la filosofia del carpe diem, in modo da sfruttare l’impulsività dello shopping e convincere gli indecisi cronici.

Per gli utenti RobinGoods è un’app per smartphone che una volta aperta li geo-localizzerà e gli mostrerà le offerte in zona con la possibilità di settare dei filtri per decidere quali tipologie di prodotti visualizzare e quali no. L’utente nel proprio smartphone vedrà la foto del prodotto, una descrizione, il prezzo , la tipologia dell’offertà e la durata di quest’ultima, non sarà mostrato il nome del negozio e come raggiungerlo per non essere influenzati dai nomi delle grandi catene commerciali (RobinGoods dà la stessa visibilità ai piccoli e ai grandi negozi), ma solo dal prodotto e dell’ offerta.

Solo una volta accettata l’offerta, il prodotto sarà prenotato per un limite di tempo, e l’utente sarà indirizzato tramite un servizio di mappe verso il negozio, nel quale potrà provare l’oggetto e decidere soli lì se effettuare l’acquisto.  Se invece l’utente accetta un’offerta esclusiva per i soli utenti RobinGoods, scaricherà il coupon direttamente sul proprio dispositivo e dovrà mostrarlo al negoziante affiliato per ricevere lo sconto promesso; anche qui l’utente sarà guidato con un servizio di mappe ed avrà un tempo limitato per effettuare l’acquisto.

La vera innovazione di RobinGoods è che ridà valore allo shopping reale, portando sul cellulare di tutti un’informazione, garantita dallo shopping online, nello shopping di tutti i giorni. Il servizio non è da confondere con un e-commerce, ma è da considerare come un compagno di compere che consiglia dove sono i prodotti più esclusivi e le offerte più vantaggiose nel momento in cui si è veramente interessati ad avere queste informazione: mentre si fa shopping. L’utente non effettuerà mai nessun pagamento sull’applicazione, ma effettuerà l’acquisto direttamente nel negozio solo dopo aver provato l’oggetto ed essere veramente intenzionato a comprarlo.

Trump mette al bando Huawei e ZTE: vietato l’uso di componenti cinesi

Il Defense Authorization Act vieterà agli enti governativi l’uso di componenti o servizi offerti da aziende cinesi. Società come Huawei e ZTE sono considerate “minaccia alla sicurezza nazionale”

MyLab Nutrition, la campagna crowdfunding per la startup degli integratori alimentari

Integratori monodose e con formula personalizzata che vengono consegnati a domicilio h24: MyLab vuole diventare un punto di riferimento nel settore e per farlo lancia una campagna da 300K su Mamacrowd

Klimahouse Startup Award 2019, la call dedicata all’efficienza energetica in edilizia

La terza edizione alla Fiera di Bolzano ospiterà ben 32 startup: incontri e matchmaking con imprese e partner strategici, più 30K in servizi di montepremi alla prima classificata. Per candidarsi c’è tempo fino al 19 novembre