#HowToStartaStartup 6 | Come imparare a crescere nel business

Crescere non è facile ed è impossibile trovare una via uguale per tutte le startup (men che meno imitare le altre). Ma ci sono degli schemi ricorrenti

Questo sesto appuntamento con il corso “How to start a startup” dell’Università di Stanford è intitolato “Growth” ed è dedicato, come è facile intuire dal titolo, alla crescita della propria startup e della propria user base. A tenere la lezione è stato Alex Schultz, VP Growth di Facebook.

La lezione, come sempre sottotitolata in inglese, è visibile qui:

Anche in questo caso sono disponibili in rete sia la trascrizione del talk che le slide (particolarmente scarne in questo caso) proiettate da Alex durante il suo intervento.

A differenza delle ultime lezioni, in questo sesto appuntamento le letture consigliate sono numerose: 6 post e 3 video.

6 video

3 post

Anche se il materiale è più del solito, vi consiglio di prendervi un po’ di tempo e dargli un’occhiata. Sono tutti post molto validi, in particolare quello su Pinterest e quello scritto da Paul Graham.

10578956_10204326121786758_2026379429_n

Il concetto che Alex Schultz cerca di far passare in questa lezione è che ci sono diverse metriche da tenere d’occhio per una startup, ma c’è una metrica che vale più di tutte: la retention.

A supporto di questa sua teoria Alex porta i casi pratici delle diverse aziende nelle quali ha lavorato: Facebook in primis e poi Airbnb e Coursera.

Nel suo intervento spiega anche come calcolare correttamente la retention (aiutatevi con le slide, se necessario) e come, osservando questa singola metrica, si riesca a capire se il proprio prodotto ha qualche problema.

Ho trovato particolarmente interessante il passaggio nel quale Alex suggerisce agli studenti di non tentare di confrontare le loro metriche (e in particolare la retention) con quelle di startup famose (cosa che viene fatta spesso, soprattutto nelle prime fasi).

Questo per un motivo molto semplice:

“Una buona retention si ottiene con una buona idea, un ottimo prodotto e un perfetto market fit.”

Ecco perché non ha assolutamente senso confrontare la propria retention con quella di Facebook o di Whatsapp. Ogni settore ha le sue metriche di riferimento e per avere un metro di paragone sensato il confronto andrebbe fatto solamente “in verticale”.

Nella seconda parte della lezione Alex affronta l’argomento della crescita dando alcuni suggerimenti pratici e sottolineando, ancora una volta, che non esiste una “formula magica” o un approccio unico per tutte le startup.

Oltre al materiale iniziale, negli ultimi minuti della lezione, vengono consigliati due testi sull’argomento:

Se state cercando altre letture interessanti vi consiglio il post “10 libri che ogni startupper deve assolutamente avere sul comodino” pubblicato su questo blog proprio qualche giorno fa.

Che cos’è il PropTech e perchè cambierà il settore immobiliare

Tra il 2011 e il 2017, le società di venture capital hanno investito 9 miliardi di dollari in società PropTech. Queste nuove società, insieme alle istituzioni finanziarie all’avanguardia, apporteranno un cambiamento positivo nell’esperienza del cliente nel settore immobiliare.

Huawei P30 Pro, la nostra anteprima da Parigi

Presentata la nuova ammiraglia dell’azienda cinese. Con una fotocamera innovativa, capace di scattare foto anche nel buio assoluto. E una lente a periscopio per un super-zoom

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.