Web Awards, StartupItalia! in finale nella competizione europea

Il 19 novembre il sito diretto da Riccardo Luna sarà in finale a Bruxelles: a contenderle il premio con un sito olandese e uno irlandese

StartupItalia! è tra i finalisti dei Web Awards indetti da EURid, il registro che amministra il dominio .eu. Concorre per la categoria The HOUSE of .eu, che raccoglie le pagine web d’informazione, comunicazione e intrattenimento, blog compresi.

web awards

I siti in nomination sono tre. I concorrenti di StartupItalia! provengono dall’Irlanda e dall’Olanda. Il primo è Upfront Group, la più grande agenzia di pubbliche relazioni irlandese. Il secondo, European Pubblic Affairs, è il blog degli allievi dell’omonimo master dell’università di Maastricht. La sera del 19 novembre a Bruxelles ci sarà la cerimonia di premiazione organizzata da Eurid presso il Museo di Storia Naturale.

I Web Awards, oltre a the HOUSE of .eu, hanno altre 4 categorie che indicano bene quali sono gli usi più importanti del .eu.

The LEADERS: aziende con più di 10 dipendenti.

The RISING STARS: le piccole che hanno fino a 10 dipendenti.

The LAURELS, dedicata al mondo dell’istruzione e dei progetti pan-europei.

The BETTER WORLD per i progetti focalizzati sull’ambiente.

La serata del 19 novembre si potrà seguire sui social network con l’hashtag #webawardseu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Digithon, spiegato | Boccia (founder): «Siamo una startup che vuole fare ecosistema»

Fino al 25 giugno, tra Bisceglie e Barletta, la maratona del digitale: dibattiti con istituzioni ed esperti del settore, pitch session. Francesco Boccia ci racconta le novità dell’iniziativa, giunta alla seconda edizione

Aggiornamento Unicode | Fra gli 8 mila nuovi caratteri, anche il simbolo del Bitcoin

Introdotto con l’aggiornamento 10.0, in arrivo sui dispositivi nei prossimi mesi. Intanto un’azienda sudcoreana paga un riscatto record: un milione di dollari in Bitcoin per liberare i propri server dal ransomware Erubus

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi