Ecco i primi 100 digital champion per un’Italia digitale

Il 20 novembre 2014 a Roma l’investitura, da parte del Digital Champion italiano, Riccardo Luna, dei primi 100 champion locali. Obiettivo: un digital champion in ogni comune

Un Digital Champion in ogni comune. Più di ottomila persone per raccontare le opportunità di Internet e della rivoluzione digitale porta a porta. Il progetto è partito oggi a Roma con l’investitura, da parte del Digital Champion italiano, Riccardo Luna, dei primi 100 champion locali. Tra i prescelti molti volti noti del web italiano come David Bevilacqua, Mauro Delrio, Giovanni De Caro, Davide Dattoli, Chiara Spinelli, Cosimo Palmisano ma ci sono anche tre teen ager: lo startupper Antonio Scarnera, il maker Cesare Cacitti e la blogger Valeria Cagnina (13 anni). QUI la lista completa.

digital champions

«Non ha più senso parlare di agenda digitale – ha detto Riccardo Luna – oggi l’agenda digitale coincide con l’agenda del paese perché da qui passa il nostro futuro». Secondo Luna i digital champions italiani, che sono tutti volontari senza retribuzione, saranno come «i medici senza frontiere dell’innovazione, andremo porta a porta per aiutare gli amministratori pubblici, difendere i diritti digitali dei cittadini e promuovere la cultura digitale con corsi di alfabetizzazione».

L’evento che si è svolto oggi al Tempio di Adriano della Camera di Commercio di Roma e che ha visto la partecipazione del direttore generale di Agid Alessandra Poggiani e del responsabile Smart City di Anci Paolo Testa e di Rosario Fiorello che ha mandato un video, è stato concluso dal presidente del Consiglio Matteo Renzi che ha ringraziato i nuovi digital champions.

digital champions

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi

«Il digitale – ha detto – è forse l’unico settore dove il governo ha scelto tutti i migliori che c’erano, da Barberis a Quintarelli, dalla Poggiani a Luna. Ora non possiamo permetterci di non cambiare davvero il paese usando la leva del digitale come una opportunità per crescere».

I cento digital champions, che non sono retribuiti, per raggiungere gli obiettivi fissati con l’autofinanziamento hanno contestualmente costituito una associazione, aperta a tutti, che  dovrà promuovere progetti di cultura digitale. Fra i soci fondatori anche Telecom Italia.

digital champions

Chiara Spinelli, uno dei 100 digital champions

«Guidare lo sviluppo e la trasformazione digitale del Paese è la nostra missione» ha detto il presidente di TI Giuseppe Recchi. «Siamo una bandiera nazionale dell’innovazione tecnologica, uno strumento fondamentale per la crescita e lo sviluppo. Per questo Telecom investe ogni anno 3 miliardi di euro in banda larga. E per questo ci siamo impegnati con i Digital Champions con l’obiettivo di promuovere le competenze digitali».

 

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili