Come ottenere i 150 mila euro del bando europeo frontierCities

Concorso per applicazioni nell’ambito della mobilità urbana e delle smart cities. Lo ha lanciato uno dei 16 acceleratori di Future Internet Accelerators

La Commissione europea mette 80 milioni di euro a disposizione delle startup. Cifre alla mano, Future Internet Accelerators può essere considerato a tutti gli effetti il bando dell’anno (ne abbiamo già parlato QUI.

A lavoro ci sono 16 acceleratori. Ognuno di questi lancia una propria richiesta dedicata a startup e PMI, perché presentino progetti, prodotti e applicazioni e dimostrino di essere interessate a investire nell’innovazione attraverso internet.

Il 20 novembre, uno di questi acceleratori, frontierCities ha pubblicato il proprio bando. A disposizione ci sono quasi 4 milioni di euro suddivisi in finanziamenti a fondo perduto da 50 mila a 150 mila euro per ogni startup, PMI e singoli sviluppatori che vogliano realizzare applicazioni nell’ambito della mobilità urbana e delle smart cities. I progetti saranno valutati da un team composto da esperti indipendenti e approvato dalla Commissione europea, i vincitori riceveranno anche un supporto tecnologico e manageriale con sessioni di training, mentoring e showcase event a livello europeo.

Ma vediamo come si procede all’applicationche, secondo quanto indicato nella call, va presentata esclusivamente attraverso la F6S Platform. Per chi ne avesse bisogno, sono state previste una guida e anche un help desk dedicato.

Gli step principali da superare sono due

Il primo è aperto a tutti potenziali partecipanti e scade il 14 gennaio 2015, il secondo è dedicato invece solo a chi riesca a superare il primo step e scade il 14 marzo 2015.

1) Prima di tutto, bisogna presentare la propria idea di “smart mobility” in una proposta sintetica, corredata dai dati del richiedente e dalla richiesta di fondi. Il tutto, tenendo conto di cinque questioni fondamentali:

a) Quale problema si vuole risolvere (20 punti)

b) Quale soluzione si propone (30 punti)

c) Quale tecnologia verrà applicata, specificando come verrà usata la tecnologia FIWARE (20 punti)

d) Qual è il mercato di riferimento (20 punti)

e) Da chi è composto il team di lavoro (10 punti)

2) Solo chi riesce ad ottenere un punteggio sufficiente a passare alla seconda fase, dovrà poi preparare un documento in cui dovranno essere esposti:

a) I motivi di eccellenza tecnologica

b) Il tipo di commercializzazione

c) Il modello economico-finanziario

d) Il piano di organizzazione del lavoro

e) Le proposte di budget

f) L’impatto di accelerazione

g) Una presentazione in Power Point

C’è anche la possibilità che i candidati siano chiamati a sostenere un colloquio come parte integrante della seconda fase di selezione. Tutte le proposte saranno sottoposte ad un controllo di ammissibilità che coinvolge chi fa domanda, le attività proposte e i costi da sostenere. Il due maggio saranno resi pubblici i nomi dei vincitori del bando.

LowRes | Il cimitero in HTML degli elefanti della politica

La comunicazione dei candidati ormai è affidata a impersonali siti di partito o al bailamme del social network. Ogni tentativo di personalizzare la presenza in Rete sembra abbandonato

TransferWise, nuovo maxiround da 292 milioni di dollari

L’unicorno fintech sale così a una valutazione di 3,5 miliardi di dollari: ecco tutti i numeri della piattaforma per trasferire denaro oltre confine (e non solo)

Impossible Foods, dopo l’hamburger ecco la neosalsiccia

La startup californiana, appena sbarcata da burger King con le sue polpette basate su proteine vegetali ma dal sapore simile alla vera carne, prepara nuovi prodotti

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.