16 punti per capire cos’è e come funziona una startup cooperativa

1. Coniugare i valori dell’innovazione La cooperazione è antica e anacronistica o è moderna e proiettata nel futuro? Questa domanda, lanciata da Alfredo Morabito a inizio lavori, è stato il leit motiv che ha accompagnato gli interventi nel corso della giornata. Da questa domanda è nata anche la sfida che ha dato il via al… Read more »

1. Coniugare i valori dell’innovazione

La cooperazione è antica e anacronistica o è moderna e proiettata nel futuro? Questa domanda, lanciata da Alfredo Morabito a inizio lavori, è stato il leit motiv che ha accompagnato gli interventi nel corso della giornata. Da questa domanda è nata anche la sfida che ha dato il via al progetto Coopstartup, oggetto del seminario del 22 ottobre.

startup cooperativa

Una collisione tra vecchio e nuovo, l’ha definito Matteo Serra, che sta dando già dei frutti: le sperimentazioni in atto in Lazio e a Ferrara, in Puglia, in alcune regioni del Nord-Italia e una Guida alla formazione di startup cooperative. Un nuovo Rinascimento per il mondo cooperativo, si è spinto a definire questa fase Jeremy Rifkin, in una video-intervista in cui ha assimilato la cooperazione alla sharing economy.

Ma si alzano anche voci critiche. Per qualcuno la cooperazione avrebbe difficoltà a produrre innovazione: prova ne sarebbe il fatto che ai bandi per imprese innovative lanciati da istituzioni pubbliche (Innova tu della Regione Lazio e Smart&Start di Invitalia per esempio) pochissime sono le cooperative che hanno partecipato.

2. Salvaguardare i valori

Ci sono un patrimonio e una storia da salvaguardare, un sistema valoriale non negoziabile. Entrare nel sistema cooperativo non è un obbligo ma una scelta, che implica l’accettazione di determinati valori. L’innovazione, se intesa come promozione di nuove imprese, non è in contrasto, anzi, è qualcosa di intrinseco al concetto stesso di cooperazione.
Una modalità per promuovere nuove imprese è quella dell’adozione.

Adottare una startup per un’impresa tradizionale significa tener fede al sistema valoriale della cooperazione, ma è al tempo stesso un’opportunità di crescita, di rigenerazione.

Un cooperatore è chi non resta chiuso nella sua impresa ma si misura con i problemi del sistema, del movimento. Il tema dello sviluppo è un pezzo importante della nostra vita e che entra anche nel percorso congressuale. (M. Lusetti)

La cooperazione deve anche far emergere l’economia informale, dotandosi di una rete di accoglienza che, oltre a mettere a disposizione strumenti e risorse, dia senso e valori, attualizzando questa tipologia di impresa. (A. Messina)

Adozione non significa solo affiancamento o accompagnamento, è un concetto più forte. Abbiamo nel settore agricolo cooperative già strutturate (con un marchio, una presenza e un’operatività) e se ognuna di queste prende una startup e la adotta ne traiamo noi per primi un beneficio. L’adozione costringe il dirigente a dare supporto e quindi a ragionare fuori dalla quotidianità, lo mette in relazione a bisogni e persone che sicuramente lo arricchiscono. (M. Lusetti)

3. Il rinnovamento è necessario e non rinviabile

Innovare è necessario e non più rinviabile, per invertire il processo di invecchiamento della base sociale, per riattivare le comunità territoriali o portare nuova linfa in realtà periferiche.
Ed è anche un imprescindibile “diktat” del mercato che chiede nuovi prodotti, maggiore efficienza e tempi accelerati. Innovare significa creare nuove imprese, ma anche introdurre elementi di innovazione in imprese tradizionali.

4. In questo senso Coopstartup costituisce un salto di qualità.

C’è la necessità di rigenerare la relazione tra cooperativa e soci, ma c’è anche la necessità di essere presenti in nuovi settori: siamo cresciuti molto ma non abbiamo prodotto nuova impresa, soprattutto nel settore agroalimentare (F. Montalti)
Da chi possono venire le nuove idee? Dalle nuove generazioni, la speranza di buone idee non può venire da chi già ha avuto buone idee in passato. (N. Zamaro)

Nelle startup cooperative è possibile mettere insieme giovani e meno giovani, come previsto nel bando di Coopstartup Puglia, consentendo l’integrazione tra l’energia del nuovo e l’esperienza del vissuto. (C. Rollo)

Coopstartup può essere la nuova interfaccia del mondo cooperativo con quello che sta al di fuori. Allo stesso tempo porta dei cambiamenti all’interno del mondo della cooperazione. E’ un modo per ridare senso all’essere cooperativa. (D. Agazzi)

La promozione cooperativa fa parte della ragion d’essere di Coopfond. Ma in questo progetto c’è un passo avanti: mettiamo in campo un progetto nostro. Coopstartup è futuro. Abbiamo bisogno di nuova cooperazione, dobbiamo innovare, creare nuovi cooperatori e nuove cooperative e ci voleva un progetto ad hoc. La cooperazione ha la necessità di un ricambio generazionale e anche attraverso Coopstartup noi intendiamo favorirlo. (A. Soldi)

L’occasione di contattare i giovani è una cosa bellissima perché si avvicinano persone che mai si sarebbero avvicinate alla cooperazione, ma è anche un momento per riflettere su come innovare il modello delle cooperative. (S. Pighini)

Coopstartup è un approccio positivo perché accoglie persone che hanno idee e fa in modo che dalle idee si arrivi a un risultato. (T. Marchisio)

5. Innovare anche l’immagine

La necessità di innovare riguarda anche l’immagine del mondo cooperativo, da molti visto come vecchio e non più al passo con i tempi.

Ma c’è anche un grave deficit di conoscenza di che cosa sia un’impresa cooperativa, perfino in quei territori dove la cooperazione è più radicata.Anche a livello istituzionale si verifica continuamente questa carenza: nel Decreto Crescita 2.0, per esempio, è stato necessario far inserire una specifica riguardante le imprese cooperative. Entrambi questi aspetti  (immagine poco attrattiva e scarsa conoscenza) generano diffidenza da parte di taluni potenziali partner, come per esempio i finanziatori.

La sfida bella di Coopstartup è quella di coniugare e spiegare i valori del mondo cooperativo con il linguaggio “figo” degli startupper. E’ un’operazione culturale di portata enorme. (D. Zanoni)

Bisogna che troviamo il modo comunicativo di trasferire i valori che sono gli stessi da 100 anni. Trasferire in chiave moderna i valori antichi. (M. Lusetti)

Si parla molto di startup, ma non si parla mai di startup cooperative. Bisogna parlarne, perché altrimenti si continua a pensare che la cooperazione è qualcosa di vecchio e rugginoso. (A. Soldi)

Di qui l’importanza della comunicazione, importanza sottolineata in molti interventi nei quali si è anche evidenziato il rischio che molte buone idee non siano realizzate in forma cooperativa proprio perché è un mondo per molti sconosciuto.
Creare un immaginario positivo intorno a un abbinamento inedito (M. Serra) è quindi il difficile compito che spetta alla cooperativa PazLab, a cui è stata affidata la comunicazione del progetto Coopstartup.

6. Quale deve essere il modello di una startup cooperativa?

Certamente non quello della Silicon Valley, di un’impresa che nasce con l’obiettivo di produrre lucro e il più in fretta possibile. Non per demonizzare quel modello. Ma innanzitutto la realtà italiana non è quella degli Usa. E poi, lo abbiamo già detto, la startup cooperativa non può prescindere dai valori fondanti della cooperazione. Anche gli obiettivi sono diversi: quelli della cooperazione sono “lavoro, stabilità, lungo periodo”. Poco a che vedere quindi con il modello Silicon Valley che, tra l’altro, secondo i dati a disposizione, mostra un alto tasso di mortalità delle startup.

7. Rispondere a bisogni o creare bisogni?

Le imprese nascono per rispondere a un bisogno. Ci sono imprese che i bisogni li creano (generando quello che solitamente si chiama “consumismo”), e imprese che li immaginano o li fanno uscire da uno stato di latenza (e sono quelle considerate a più alto tasso di innovazione). Le imprese cooperative nascono per rispondere a bisogni reali e preferibilmente non individuali ma collettivi. Qualcuno vede nelle cooperative di consumo un modello “rivoluzionario” da estendere e da valorizzare, un vantaggio competitivo rispetto alla startup modello Silicon Valley.

Le cooperative di consumo hanno questo aspetto positivo: in tanti mettendo pochissimo possono modificare i meccanismi del consumo. Si tratta di un’innovazione potentissima, una vera rivoluzione del sistema produttivo. Intercettare passione, stimolare coinvolgimento, è qualcosa che la cooperazione può fare come nessun altro. (D. Zanoni)

All’interno di Coopstartup non parliamo mai di cooperative di utenza. A mio parere la cooperativa di utenza, e non penso solo ai prodotti sugli scaffali ma anche a servizi come quelli sanitari, assicurativi, di utenza telefonica, è forse la cosa più innovativa per rispondere ai bisogni delle persone. (C. Bertelli)

8. Non solo tecnologia, ma innovazione sociale

Quando si parla di startup si pensa solitamente a nuove imprese nel settore dell’Ict (Information and Communication of Technology). Ma la startup cooperativa non vuole essere questo, non solo. Il concetto di innovazione che si vuole realizzare è più ampio, abbraccia anche il campo dell’innovazione sociale, verifica l’impatto che le nuove imprese avranno sulla società e sull’ambiente, mette in atto cambiamenti anche nei comportamenti delle persone, nella governance dell’impresa e negli stili di leadership. Non esalta l’individuo e l’idea del singolo ma la capacità di lavorare insieme ad altri, coinvolge le comunità locali creando coesione sociale. Il fattore umano viene visto come fondamentale: significa competenze da mettere a disposizione del progetto collettivo.

C’è un’enfasi eccessiva sulle startup tecnologiche, invece per me la tecnologia è solo un pezzo dell’innovazione. A me piace un concetto ampio di innovazione. Se non si inventa un nuovo modo di fare cooperazione, molte cooperative rischiano la sopravvivenza. L’innovazione è anche innovazione sociale, nuova governance, nuovi modi di abitare, nuovi modi di relazionarsi. (A. Soldi)

Legacoop ha in mente l’impatto sulla società delle nuove imprese, questo è il bello della cooperazione. (D. Agazzi)
Se da solo posso avere un’idea, con altri la realizzo. (A. Morabito)

L’innovazione sociale non è il talento di Ercole, ma è la capacità di una comunità di mettersi a disposizione del proprio futuro. (N. Zamaro)

Esiste una specificità del modello cooperativo ed è la capacità di saper cogliere i nuovi bisogni delle comunità. (C. D’Amato)

Il capitale umano è fondamentale dal punto di vista della competenza e questo è uguale anche per le altre startup. Che cosa c’è allora di diverso? Il sistema valoriale: lavorare insieme agli altri. (M. Lusetti)
Non buttare il bambino (la tecnologia) con l’acqua sporca
Se nel modello di startup cooperativa la tecnologia non è tutto, bisogna però fare attenzione a non sottovalutarne l’importanza.

Innovazione significa anche trasparenza, apertura, riproducibilità: basti pensare alla battaglia per gli Open Data (Dati Aperti), che riguarda la Pubblica Amministrazione ma non solo.
C’è tutto un movimento in Italia e nel mondo (pensiamo anche al movimento intorno all’open source) che si sta battendo per questo: la parola d’ordine è accessibilità, poter accedere liberamente alle informazioni e poterle riprodurre.

In questa direzione si muove anche il progetto che Legacoop e Coopfond stanno portando avanti con l’università Luiss per la creazione di un modello di “cooperative commons” grazie al quale gli autori di blog, social network e altri aggregatori sul web possano tutelare i propri diritti di proprietà intellettuale lasciando però che i contenuti siano a disposizione di tutti.

Le tecnologie sono anche spesso uno strumento utile per rivitalizzare e coinvolgere territori svantaggiati, scarsamente popolati e lontani dalle principali vie di comunicazione.
Ma l’accento sui mezzi tecnologici richiama inevitabilmente un fattore generazionale: gli agenti dell’innovazione sono solo o principalmente i cosiddetti “millenials”?

Dobbiamo stare attenti a non buttare fuori dalla finestra la tecnologia e l’uso delle tecnologie. Innovazione sociale significa che l’innovazione deve essere inclusiva, aperta, valutabile e trasferibile e questo si fa con gli strumenti che oggi abbiamo a disposizione. Le nuove tecnologie sono essenziali perché, per esempio, favoriscono la comunicazione e la diffusione delle idee, generando un’efficienza integrata con l’”intelligenza collettiva”. (N. Zamaro)

Le sfide sono a 365 gradi, bisogna saperle cogliere e coglierle immediatamente. (S. Pighini)

9. Confrontarsi con le istituzioni pubbliche

Il confronto con le istituzioni pubbliche può essere fondamentale per imprese che vogliono durare nel tempo: il pubblico può essere una risorsa preziosa, non solo come erogatore di finanziamenti.
Ma abbiamo visto come questo rapporto non sia sempre facile e scontato.
Le cooperative accedono ai bandi pubblici in numero ridotto, però spesso i bandi pubblici sono di difficile interpretazione (Le istituzioni pubbliche devono fare innovazione al proprio interno: i bandi e le politiche regionali siano tali da aiutare chi vuole partecipare – N. Zamaro).

La burocrazia pubblica viene percepita come un ostacolo e un freno dalle imprese (e le cooperative, è bene ricordarlo, sono imprese a tutti gli effetti), che hanno tempi più veloci e sono spesso più avanti nella messa in pratica di leggi e dettami.
Allo stesso tempo ci sono degli aspetti distintivi del modello cooperativo (intelligenza collettiva, accompagnamento e supporto per le neo-imprese, interdisciplinarietà, promozione di “reti” sul territorio) che potrebbero essere di ispirazione e di esempio anche per le istituzioni pubbliche.

Servirebbe una Pubblica Amministrazione “di ventura”. Abbiamo bisogno di questo, di una PA che pur non avendo soldi dà sicurezza, dà spazio anche in senso fisico, a chi vuol fare impresa innovativa. Questa è una delle leve su cui si può agire. (N. Zamaro)

Da parte di Invitalia c’è disponibilità verso questo tipo di programma. Gli incentivi, economici sono fondamentali, a Napoli si dice che “senza soldi non si cantano messe”. (C. D’Amato)

IN SINTESI
IL MODELLO DELLA STARTUP COOPERATIVA È PROFONDAMENTE DIVERSO DA QUELLO DELLA SILICON VALLEY.
LA STARTUP COOPERATIVA NON CREA I BISOGNI (MODELLO CONSUMISTICO) MA RISPONDE A BISOGNI REALI E PREFERIBILMENTE COLLETTIVI. PER LA STARTUP COOPERATIVA L’INNOVAZIONE NON È SOLO TECNOLOGICA MA ANCHE SOCIALE, CHE SIGNIFICA: VERIFICA DELL’IMPATTO CHE L’IMPRESA HA SULLA SOCIETÀ E SULL’AMBIENTE, COINVOLGIMENTO DELLE COMUNITÀ TERRITORIALI E CREAZIONE DI COESIONE SOCIALE, ESALTAZIONE NON DELL’IDEA INDIVIDUALE MA DEL LAVORO COMUNE, NUOVA GOVERNANCE DELL’IMPRESA E NUOVI STILI DI LEADERSHIP.
L’IMPORTANZA DELLA TECNOLOGIA PERÒ NON VA SOTTOVALUTATA, PERCHÉ SERVE A RENDERE TRASPARENTE E TRASFERIBILE IL PROCESSO DI INNOVAZIONE.
IL RAPPORTO CON LE ISTITUZIONI PUBBLICHE È IMPORTANTE MA NON FACILE NE’ SCONTATO (RISORSE, MA ANCHE BUROCRAZIA E TEMPI TROPPO LENTI).

10. Per fare una startup ci vuole

Il messaggio che oggi viene veicolato è che realizzare una startup di successo sia qualcosa di estremamente facile. Ma non è così. E sappiamo anche che questo immaginario che si è creato comporta un alto tasso di mortalità, soprattutto quando le imprese superano la fase di pre-startup e si trovano a dover affrontare il mercato. Per fare una startup ci vuole certamente un’idea, che deriva dal saper leggere i nuovi bisogni degli individui e delle comunità.
Ma non basta un’idea, sia pur brillante. Occorrono capacità e competenze. E serve un metodo, una capacità di esecuzione degli step necessari a concretizzare l’idea.
Questo richiede il possesso di strumenti: una cassetta degli attrezzi da utilizzare durante il percorso. Importante è anche il processo, che deve essere aperto, inclusivo, condiviso, in cui mettere la faccia in prima persona. E poi gli attori, che non sono solo i soci cooperatori ma tutti gli stakeholder con cui si può e si deve fare rete per creare una realtà che duri nel tempo.

11. Saper leggere i bisogni

I bisogni cambiano nel tempo e sono differenti nei diversi territori.
Alcuni territori sono più favorevoli, altri meno.
Avere un progetto nazionale aiuta, ma questo va poi declinato nel contesto specifico.
Una volta il bisogno primario era acquistare alimenti a prezzi convenienti, avere una casa, proteggere il proprio lavoro. Oggi i temi sono il welfare, la cultura, il turismo, crearsi un lavoro, lo sviluppo tecnologico, lavori e professioni nuovi che possono trovare nel modello societario della cooperativa una forma. (M. Lusetti)
La Puglia è un terreno fertile per queste iniziative. La Regione ha fatto scuola e poi c’è un sistema, una rete di relazioni, un partnerariato ampio con Legacoop, rete Informagiovani, Officine Cantelmo, Pazlab, Qiris, The Qube. Centinaia di persone si sono mosse sul territorio per promuovere l’iniziativa, dovevamo fare un paio di incontri e ce ne hanno richiesti sedici. C’è un movimento attivissimo che è andato a intercettare anche alcune realtà istituzionali. (A.Ricci)
Legacoop si comporta come dovrebbe comportarsi un’istituzione: mette a disposizione competenze, attenzione, ascolto, cura per l’altro. Non sono scontati, sono beni rari. (N. Zamaro)
Nell’essere veramente innovativi, Coopstartup deve mettere al centro l’elemento valoriale della cooperazione e la sua capacità di relazionarsi col territorio e la sua comunità. Le startup cooperative devono essere viste come un bene collettivo inserito in un sistema sempre più a rete e sempre meno burocratico. (M. Ragnacci)

12. Occorrono capacità e competenze

Sono più importanti le capacità o le competenze? Le capacità sono innate o si possono acquisire?
Imprenditori si nasce o si diventa? Oggi si sente dire spesso ai giovani disoccupati “inventati un lavoro”: ma è così facile?
Le capacità che sono state individuate sono: saper gestire lo stress e i conflitti, essere tenaci, saper resistere. E le competenze?
Capacità e competenze individuali vanno integrate nel team: il gruppo è quello che permette di arrivare dall’idea alla costituzione dell’impresa.
Non mi piace la colpevolizzazione del mancato imprenditore. Oggi in Italia il bisogno maggiore è avere un lavoro, c’è un’intera generazione che non sa dove sbattere la testa, hanno studiato e parlano tre lingue ma non trovano lavoro. Non tutti hanno capacità imprenditoriali. In questo la cooperazione facilita, è un approccio più efficace perché significa che non tutti devono per forza saper essere imprenditori, ma l’imprenditorialità diventa un fattore collettivo. (A. Messina)

Con la Guida abbiamo voluto dare il messaggio che non tutti individualmente devono avere tutte le capacità imprenditoriali. E’ nell’integrazione di competenze che sta la forza. La forza dell’idea sta nel gruppo, nella capacità di progettare insieme, di arrivare alla costituzione della startup facendo sinergia intorno al gruppo. (B. Moreschi)
Il metodo e gli strumenti
Il metodo è fondamentale, così come gli strumenti
E’ per questo che è nata la Guida alla formazione di startup cooperative, un “work in progress” a cui hanno dato il proprio contributo un centinaio di persone attraverso seminari, focus group e la consultazione online sul sito.
La Guida si focalizza sulla fase di pre-startup. E‘ costituita da una sequenza ordinata di fasi (10), alcune propedeutiche l’una all’altra, altre trasversali, altre ricorrenti.
Per ogni fase sono state individuate le domande chiave, i risultati attesi, gli strumenti utilizzabili, il supporto necessario, formulati in modo tale da spingere gli aspiranti cooperatori a una valutazione continua.

Il riconoscimento della sua validità è stato pressoché unanime, salvo una critica rispetto a una sua eccessiva genericità: la Guida, ha precisato Barbara Moreschi, indica un processo flessibile ed adattabile ai differenti contesti.

Riguardo agli strumenti alcune perplessità sono state sollevate sul Business Model Canvas. Ci si è chiesti se sia uno strumento efficace e qualcuno (D.Zanoni, A. Messina) ha detto chiaramente di considerarlo troppo difficile e complesso, quindi anche demotivante per gli aspiranti imprenditori
Un punto molto sottolineato è stato quello dei finanziamenti: l’accesso al credito può infatti costituire una barriera insormontabile per le nuove imprese.
A questo proposito B. Moreschi ha rilevato come nella Guida si sia voluto spezzare il cortocircuito idea-finanziamenti (Finanziare l’attività è infatti il punto n.9), mentre spesso nei bandi per startup questi due aspetti sono eccessivamente collegati.
Meglio dare strumenti che soluzioni: il metodo vale quanto l’idea, Il bello di Coopstartup è di voler essere un aggregatore, che va al di là di un semplice incubatore di impresa, poiché fornisce un ecosistema di riferimento e una serie di strumenti utilizzabili. È bene fornire strumenti più che soluzioni preconfezionate. (M. Travaglini).

Molti progetti si fermano davanti a problema dei soldi. La Banca si vuole cautelare, c’è un processo di formalizzazione e questo seleziona molto. Una volta c’era la finanza agevolata, oggi non c’è quasi più. Nel 2012 come BCC abbiamo lanciato il progetto“Buona impresa” per startup giovanili, nel 2013 ne sono state finanziate 2.500 di cui 1.020 startup pure. Quelle scartate sono state più di 10.000, ma presumibilmente intorno a queste ruota un bacino di utenza molto più ampio. (A. Messina)

Una casa non si costruisce partendo dal tetto: prima di pensare al finanziamento bisogna costruire attentamente il progetto d’impresa, investendo anche risorse personali. Anche in questo modo si possono creare migliori condizioni di realizzazione delle idee, presentandosi ai potenziali finanziatori in modo più credibile. (M. Travaglini)

13. Il processo

Il processo che porta alla creazione di una startup cooperativa è stato al centro di numerosi interventi, segno che si tratta di un elemento importante.

Le azioni che lo caratterizzano sono: creare una rete di supporto, promuovere l’inclusione, la condivisione e l’interdisciplinarietà, integrare le esperienze, metterci la faccia in prima persona, ascoltare e contaminarsi rinunciando all’autoreferenzialità, aprirsi al contributo dei mentor. Il confronto deve essere portato avanti a 360 gradi: con le realtà territoriali, con le istituzioni, con il variegato mondo degli “innovatori” e soprattutto con i giovani a cui il progetto Coopstartup si rivolge in modo particolare. Un processo a così ampio spettro che tempi può avere? Sicuramente non quelli rapidi delle startup modello Silicon Valley, ma nemmeno tempi troppo lunghi se si vogliono rispettare i parametri dell’impresa. Si tratta di coniugare l’efficienza con la necessità di lasciar sedimentare i processi, per non rischiare fallimenti e conseguenti delusioni. Nel presentare Coopstartup Puglia è stata vincente la presenza e l’assunzione di responsabilità di Legacoop, dal Presidente a tutti noi che ci abbiamo messo la faccia. (A. Ricci)

Ci siamo confrontati con tutti, dalle Università agli startuppari. Se si vuole fare un progetto rivolto ai giovani bisogna farlo con i giovani, quindi abbiamo coinvolto i giovani. Se vogliamo cogliere le opportunità dell’innovazione bisogna aprirsi e confrontarsi. L’autoreferenzialità può fare danni letali in percorsi come questi e noi abbiamo provato a evitarla. (A. Soldi).

Ci vuole un coinvolgimento sia della parte tecnica che gestisce la sperimentazione sia degli attori sul territorio, anche quelli che Legacoop ha difficoltà a intercettare come gli Informagiovani, le biblioteche, gli hub . (T. Marchisio)

Il processo deve essere inclusivo per abbattere resistenze, paure, incertezze. Noi in Puglia abbiamo previsto due momenti: uno aperto a tutti e un secondo di raffinamento e accompagnamento mirato. (A. Ricci)

Stumenti, metodo, execution sono straordinariamente importanti. Nel processo l’attitudine imprenditoriale è un pre-requisito, una autovalutazione preventiva prima di intraprendere. A volte uno dei motivi di non riuscita di una startup è legato alla sottovalutazione di questo aspetto. Le attitudini sono personali e attengono alle caratteristiche dell’individuo, mentre le tecniche si possono imparare. (S. Manfredi)

Il metodo si può imparare, il processo coinvolge gli attori. Oltre alla valutazione soggettiva, confrontare la propria idea con esperienze similari è fondamentale e questo è proprio del mondo cooperativo perché siamo una rete di imprese aperta al trasferimento di esperienze da una all’altra. (C. Fanelli)

Non vogliamo illudere la gente nella situazione drammatica che il Paese sta vivendo. La tempistica deve essere efficiente ma giusta. Dietro a molte realtà di startup si possono aprire percorsi pericolosi per le persone creando delusioni. (A. Morabito)

IN SINTESI
PER FARE UNA STARTUP COOPERATIVA NON BASTA UN’IDEA ANCHE SE QUESTA STA ALL’ORIGINE E DEVE SCATURIRE DALLA LETTURA DEI NUOVI BISOGNI. OLTRE ALL’IDEA OCCORRONO CAPACITÀ E COMPETENZE DA INTEGRARE NEL TEAM, OCCORRONO UN METODO E DEGLI STRUMENTI (LA GUIDA), OCCORRE METTERE IN ATTO UN PROCESSO “APERTO” CHE COINVOLGA QUANTE PIU’ PERSONE E ISTITUZIONI POSSIBILE. I TEMPI DEVONO ESSERE CONGRUI CON L’EFFICIENZA MA NON DI BREVE PERIODO SE SI VUOLE DARE VITA A IMPRESE STABILI E CHE CREINO OCCUPAZIONE. LA RICERCA DI FINANZIAMENTI PUO’ COSTITUIRE UN PROBLEMA MA E’ SBAGLIATO FOCALIZZARSI SOLO SUL BINOMIO IDEA-INCENTIVI.

14. LAVORI IN CORSO

Coopstartup è già una realtà.
E’ un progetto dinamico, che si alimenta continuamente valutando i risultati delle sperimentazioni in atto.
A proposito: come si misura il tasso di innovazione di un’impresa? La crescita di un’impresa può essere il parametro di misurazione? Il tema, lanciato da A. Morabito, necessita di ulteriori approfondimenti.
Coopstartup è un progetto collettivo, che vuole creare “intelligenza collettiva”.
Coopstartup è un progetto con enormi potenzialità come evidenziato da una recente ricerca di Swg per Legacoop che ha rilevato un sensibile interesse dei giovani per la forma cooperativa.
Il contesto ampio in cui si muove, quello dell’innovazione, sta attraversando una fase di grande fermento, che è stata definita di “caos creativo”. Serve governarlo? E come? E’ giusto codificare tutto a priori?
Per le startup cooperative il contesto attuale sembra particolarmente favorevole. Negli ultimi tempi si è verificata una crescita significativa di attenzione sul tema dell’economia sociale, in particolar modo da parte delle istituzioni (task force del G8, conferenza europea a Roma, disegno di legge governativo di riforma del Terzo Settore, studi dell’Università Bocconi e Giornate di Bertinoro).
Il fermento però agita anche il mondo della cooperazione al suo interno, dove c’è il grosso tema del ricambio generazionale.
Siamo pronti per il cambiamento?
Il progetto
Da parte della struttura Coopfond c’è la determinazione a portarlo avanti e il seminario del 22 ha costituito una forte spinta in questa direzione.
20
Il progetto potrebbe anche ampliarsi con altre sperimentazioni. Aldo Soldi, nelle conclusioni, ha detto di augurarsi che possa estendersi anche ad altre sperimentazioni territoriali e settoriali (oltre a quella già in atto nell’agroalimentare).
Un segno tangibile di questa volontà è l’impegno di Coopfond a studiare nuovi strumenti finanziari, fermo restando che il concetto non deve essere ho un’idea, me la finanzi?, ma ho una buona idea che può diventare impresa, ho un progetto imprenditoriale e un business plan, come la posso finanziare?.
Gli osservatori “esterni” guardano al progetto con interesse. Ma pongono anche domande: Coopstartup resterà un progetto di nicchia o riuscirà a coinvolgere masse di persone? Quanti posti di lavoro riuscirà a produrre?
E ancora: in quale fase le startup rischiano il fallimento? Nella fase seed o nella fase post?
Occorre porsi obiettivi che vanno al di là del breve periodo. Finalmente c’è Coopstartup! E’ la base per creare nuove cooperative, per rinnovare un mondo percepito come vecchio. Occorre misurarsi con il mercato, ma senza dimenticare la propria identità che è un vantaggio competitivo. (C. D’Amato)
Il tema è se l’iniziativa Coopstartup genera qualcosa di sociale per tutti. Quanti posti di lavoro crea? 3.000 o 10.000? e in quanto tempo? Bisogna capire se riesce in poco tempo a coinvolgere una massa di persone, a essere sociale. Riesce in poco tempo a diventare matura o resta di nicchia? (M. Travaglini)
Molte startup nascono all’insegna della disintermediazione tra domanda e offerta: pensiamo a Groupon, al crowdfunding, o anche a un fenomeno come Eataly. Coopstartup deve analizzare questi scenari: ha senso se analizza nuovi modi di fare cooperativa, nuove dinamiche, se coordina più soggetti per produrre servizi di natura collettiva. Queste cose non le studia nessuno, può farlo il mondo cooperativo. (D. Agazzi)

15. Il contesto

Come detto il contesto ampio dell’innovazione sta vivendo un momento di grande creatività che se non governata potrebbe portare al caos.
Ma è giusto codificare? O è meglio osservare e discutere?
L’innovazione può essere “disruptive”. S. Pighini ha portato l’esempio di Uber con tutte le polemiche e i conflitti sociali che ha creato in alcune città. E si è chiesto: siamo sicuri di essere pronti per il cambiamento?
Il fermento, ovvio, può essere anche esaltante.
C’è tutto il mondo delle smart city che sta portando avanti riflessioni importanti e per molti aspetti analoghe a quelle delle startup cooperative. Le smart city cercano soluzioni ai bisogni collettivi legati alla vita nelle città (trasporti, cittadinanza attiva, Pubblica Amministrazione, inclusione sociale).
Questi temi si incrociano anche con quello dello smart working, una delle modalità con cui si cerca di rispondere alle problematiche della conciliazione famiglia (tempo per sé) –lavoro.
L’intelligenza collettiva si crea anche con il caos. Occorre che un contesto si agiti per produrre nuova vita (Big-Bang). In questo momento c’è grande fermento e confusione: l’importante è parlarne, discutere, questo è fare cultura. Ma evitiamo di imbrigliare i contesti, di codificare a priori. (C. D’Amato)

Siamo preparati come istituzioni ad andare incontro ai bisogni reali del cittadino? Le innovazioni possono essere ‘disruptive’, ma lo sono perché coprono bisogni essenziali e questi bisogni sono in continua evoluzione (S. Pighini)

Dobbiamo passare da una visione in cui si mettono a fuoco i bisogni dei singoli a un modello in cui ciò che conta sono processi e relazioni. Ci sono centinaia di persone che fanno una vita troppo difficile (ore per andare da casa al luogo di lavoro, figli piccoli da inserire nei servizi pubblici…). Guardiamo ai progetti delle smart- city: tutto è centrato sulla connettività, sui passaggi, sulle relazioni. Mancano politiche per le fasi di passaggio, la tecnologia può aiutare a risolvere questi problemi. (N. Zamaro)

16. Serve un ricambio generazionale

L’innovazione è strettamente legata al tema delle generazioni.
Molte voci si sono levate a chiedere un ricambio generazionale e questo tema sarà anche al centro del prossimo congresso nazionale di Legacoop.
Attenzione, però, è stato anche detto: questo non può significare perdere preziose risorse umane. Del resto all’interno del mondo cooperativo c’è l’esperienza dell’adozione, che è un tema tipicamente intergenerazionale.
Ma ci sono anche esperienze esterne alla cooperazione che stanno dando risultati positivi: come quella di LVenture Group con Federmanager per rimettere sul mercato in veste di mentor una parte della vasta schiera di dirigenti d’impresa che negli ultimi anni hanno perso il lavoro. E’ normale che per un rinnovamento ci sia una battaglia generazionale. Basta con la nostalgia del passato! C’è una generazione che non se ne va e una che spinge dal basso. E poi c’è la mia, che sta in mezzo a queste due. Però è un fatto positivo che la generazione precedente si sia messa a disposizione del cambiamento. (M. Ragnacci)

Il problema generazionale non è solo della cooperazione ma riguarda l’intero sistema- Paese. Questo non significa che chi fa cose intelligenti debba andare fuori dai piedi. (N. Zamaro)

A guidare la cooperazione c’è una generazione che l’ha fatta grande negli ultimi trent’anni, è impossibile che la stessa dirigenza la faccia grande per i prossimi trenta. Occorre linfa nuova. C’è un lavoro da fare con la Legacoop: al suo interno ci sono strutture aperte e collaborative, ma non è così ovunque. C’è bisogno di contaminazione e questo elemento di innovazione può cambiare le cose anche al nostro interno. Il Paese ha bisogno di cooperazione, la cooperazione ha bisogno di giovani. (A. Soldi)

IL PROGETTO COOPSTARTUP È UNA REALTA’ VIVA E VITALE E C’E’ LA FERMA VOLONTA’ DI PORTARLO AVANTI. ANCHE IL SEMINARIO DEL 22 HA DATO UNA GROSSA SPINTA IN QUESTA DIREZIONE. IL CONTESTO ATTUALE, CARATTERIZZATO DA UN GRANDE FERMENTO, SEMBRA DECISAMENTE FAVOREVOLE. CI SONO REALTA’ COME LE SMART CITY CHE SI MUOVONO IN UNA DIREZIONE ANALOGA E C’E’ GRANDE ATTENZIONE SUI TEMI DELL’ECONOMIA SOCIALE. IL LAVORO DA FARE PERO’ E’ MOLTO. C’E’ DA CAPIRE SE IL PROGETTO RESTERA’ DI NICCHIA O SE POTRA’ DARE RISULTATI PIU’ AMPI. C’E’ DA SOLLECITARE UNA FETTA DEL MONDO COOPERATIVO CHE APPARE POCO DISPONIBILE AL CAMBIAMENTO. FORTE E’ ANCHE IL TEMA DEL RICAMBIO GENERAZIONALE: INEVITABILE, SE SI VUOLE INNOVARE, MA FACENDO ATTENZIONE A NON PERDERE RISORSE PREZIOSE.

Interventi di:
Davide Agazzi Chiara Bertelli Carmela D’Amato Costanza Fanelli Mauro Lusetti Salvatore Manfredi Tatiana Marchisio Alessandro Messina Francesca Montalti Alfredo Morabito Barbara Moreschi Stefano Pighini Matteo Ragnacci Annamaria Ricci Carmelo Rollo Matteo Serra Aldo Soldi Marco Travaglini Nereo Zamaro Davide Zanoni
Progetto-Rena Legacoop Ferrara Invitalia
Consorzio Le Mat Legacoop nazionale Fenix Pharma Service Lazio 2000 Federcasse BCC Innovacoop Coopfond Coopfond
Lventure Group Generazioni Legacoop Legacoop Puglia Legacoop Puglia Pazlab
Coopfond
Necto Holding Università di Perugia Make a Cube3

Allo #StartupDay in Bocconi trionfa il robot per operazioni chirurgiche non invasive

Value Biotech si aggiudica il premio come “Migliore Startup del 2017”. Gloria anche per Kopjra e Jointly nelle categorie Millennials e Social Innovation. Presenti speaker e angel investor interessati alle nuove imprese italiane

FICO, il parco enogastronomico di Eataly, sceglie la digitalizzazione con Websolute

A Bologna è nato il primo parco didattico-enogastronomico del mondo. Le sue attrattive sono acquistabili solo online o attraverso info point, partners, tour operator esterni che utilizzano la piattaforma digitale di FICO

AXA Italia inaugura una nuova sede a Roma e scommette sullo smart working

Il gruppo assicurativo dà la possibilità ai suoi dipendenti di lavorare da remoto due giorni alla settimana. La struttura si adatta alla nuova filosofia che cerca il benessere dei suoi lavoratori