Riduzione dello spreco alimentare, 120mila euro da SiFooD e ComoNExT

Bando per la costituzione di 4 startup. Scade il 30 gennaio 2015

L’associazione Tecnologica SiFooD (Science&Innovation Food District) e ComoNExT hanno lanciato un bando per la selezione di idee innovative finalizzate alla costituzione di startup coerenti con le tematiche della riduzione dello spreco alimentare.

comonext

Il bando prevede la selezione di 4 candidati che potranno accedere al percorso di incubazione, ciascuno dei quali avrà a disposizione un voucher del valore di 30 mila euro spendibile nei 18 mesi di incubazione presso ComoNExT e SERVIZI offerti a titolo gratuito dalla rete di Associati SiFooD (servizi di laboratorio e sperimentazione ed affiancamento anche presso le proprie sedi) in accordo alle esigenze dei singoli progetti selezionati. Chiusura bando: 30 gennaio 2015.

Fondata nel 2012, l’associazione SiFooD aggrega 16 soggetti attorno ai temi della tracciabilità del cibo per ridurre gli sprechi alimentari e di packaging lungo tutta la filiera.

L’attività di SiFooD si concentra principalmente su riduzione degli sprechi alimentari e di packaging, sostenibilità del ciclo di vita dei prodotti alimentari, efficientamento della catena alimentare, food safety declinata su tutta la catena alimentare.

COMONEXT

ComoNExT è un incubatore certificato che occupa 470 persone. Partito a maggio del 2010, conta 85 imprese insediate, oltre 30 progetti di innovazione e 50 imprese coinvolte, 3,5 milioni di euro di finanza agevolata erogata a fondo perduto a favore delle imprese coinvolte, una rete di 400 imprese, collegamenti con Università, Centri di Ricerca, Banche, Fondi di investimento.

Due italiani tra i migliori 11 al mondo secondo Nature

Silvia Marchesan e Giorgio Vacchiano sono tra gli undici ricercatori emergenti che “stanno lasciando il segno e hanno il mondo ai loro piedi”. Afferma la prestigiosa rivista scientifica Nature

Trapiantati sterno e costole in 3D. Prima volta in Italia

Operazione record presso l’Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna. Un impianto in lega di titanio stampato in 3D è stato sostituito allo sterno. Un successo per la medicina italiana